Il primo quotidiano sulla GDO

Aggiornato al 03 Agosto 2020 - ore 17:30

MERCATI

Cartoleria: rilanciare le vendite a partire dall'innovazione

Il settore della cartoleria ha chiuso il 2010 con un giro d’affari di circa 175.800.000 euro (Fonte GfK Retail and Technology Italia: Iper+ super*+ mercatoni + cash&carry**), per una lieve decrescita a valore - inferiore all'1% - e un calo anche in termini di pezzi venduti, e il trend sta continuando anche nel 2011. Co...


La crisi fa “scuocere” la pasta

Secondo i dati Nielsen relativi all’anno terminante a febbraio 2011, la pasta di semola secca registra, sul totale Italia, un giro d'affari di oltre 1.100 milioni di euro, con circa 900mila tonnellate vendute. La categoria, però, mostra un leggero decremento a volume rispetto all’anno precedente (-1,0%), mentre emerge ...


Pizze e piatti pronti surgelati: la qualità degli ingredienti è la chiave di volta

Il comparto delle pizze e dei piatti pronti surgelati sta conoscendo un momento complessivamente positivo, soprattutto nel comparto pizze, in crescita nel canale retail del 5%, per un totale di circa 40.000 tonnellate di pezzi venduti.


Gli spumanti ritrovano il brio

Gli italiani continuano a preferire lo spumante. Le bollicine nazionali riprendono a crescere dopo anni piuttosto travagliati, soprattutto rispetto allo champagne che, secondo i dati forniti da SymphonyIri relativi all’anno terminante a febbraio 2011, perde il 5,4% a valore (circa 49,9 milioni di euro) e addirittura il...


Petfood: l'exploit di prodotti salutistici e funzionali

Il settore, che vale circa 788 milioni di euro (+2% nel 2010) continua a dare riscontri positivi, soprattutto nel segmento snack & treats per il benessere del proprio pet. E si mostra molto dinamico, nonostante l'anno scorso abbia registrato un lieve calo a volume, nell'ordine dello 0,4%. I consumatori continuano a com...


Snack salati, poche novità, grandi manovre

Dalla maxi acquisizione che ha visto il passaggio di proprietà di Pringles si sarebbe potuto supporre nuovo movimento nel settore. Ma in realtà, nonostante buoni livelli di consumo, che rispondono a un prodotto di impulso e altamente edonistico, le vere innovazioni sono molto scarse.


Smoothies: buoni margini di crescita

Questo nuovo segmento merceologico in soli 2 anni di vita ha saputo imporsi sul mercato dando luogo ad un nuovo business, cresciuto peraltro ad un ritmo piuttosto sostenuto, soprattutto se si considerano i limiti imposti da una congiuntura economica tutt'altro che favorevole.


Formaggi duri, 2010 anno del rilancio

I prodotti tipo grana stanno vivendo un ottimo momento, con una variazione in valore che supera i 17 punti e un giro d'affari di 109 milioni di euro. Idem per i volumi, in recupero del 13%. Ma altre tipologie sono meno gettonate e continuano a ripiegare.


Conserve vegetali, ovvero il benessere “ready to serve”

Il mercato, che attualmente vale circa 600 milioni di euro nel canale moderno presenta un prezzo medio di molte tipologie merceologiche leggermente aumentato (attorno all'1%) determinando una diminuzione dei consumi a volume.


Il tissue gode di buona salute

Allontanare il rischio commodity attraverso la qualità e allo stesso tempo porre grande attenzione all’eco-compatibilità dei prodotti. Sono questi i due principali trend che caratterizzano il mercato della carta casa, che negli ultimi anni ha subito importanti trasformazioni. Da un lato, infatti, il consumatore è diven...


Birra: l’estate fredda rovina la festa

Il clima come nemico pubblico numero uno. Tutti i player del mercato della birra sono più o meno concordi nell’imputare i risultati negativi ottenuti nel 2010 al clima poco favorevole che ha interessato il nostro paese durante i mesi estivi. Temperature inferiori alla media che non hanno certo favorito il consumo di un...


Comparto elettrico, ovvero la rivoluzione “green”

Il settore elettrico si configura come un segmento piuttosto articolato, suddiviso in 3 principali comparti merceologici: lampadine, pile e materiale elettrico. Questo mercato, nell'ultimo anno, ha subìto delle modifiche importanti, legate soprattutto alla svolta ecocompatibile che lo ha toccato da vicino.


Un bucato a buon mercato

Le italiane – e perché no, anche gli italiani – non possono certo smettere di fare il bucato, ma sono sempre più attente a spendere con oculatezza i propri soldi. Osservando i dati relativi al mercato dei detersivi a mano e in lavatrice e soffermandosi sul comportamento d’acquisto del consumatore, c’è infatti da sottol...


Grappe e distillati: l'innovazione è la carta vincente

Anche il mercato della grappa e dei distillati, come la grande maggioranza dei principali mercati dei superalcolici, ha registrato, nel corso del 2009, una flessione sia a volume che a valore.