Loading...
Aggiornato al: 11 Dicembre 2019 17:30
Trend
La nuova frontiera dello shopping? E' omnicanale.

Dagli scaffali fisici a quelli virtuali: l’avvento di Internet e l’evoluzione tecnologica hanno permesso l’affermarsi dell’e-commerce come una delle più grandi rivoluzioni commerciali di questo secolo. Dopo il primo importante sviluppo nell’ambito dei servizi – si pensi a turismo, trasporti, assicurazioni - lo shopping online ha preso rapidamente piede anche nell’ambito dei prodotti, a partire da quelli non food. E se prima gli acquisti si facevano seduti davanti a un PC, oggi le innovazioni tecnologiche e digitali hanno portato lo smartphone ad essere l’interfaccia preferita dai consumatori per i propri acquisti in rete, in qualunque momento della giornata e da qualsiasi luogo. Ma senza rinunciare al piacere e alla comodità di vedere, acquistare e cambiare gli articoli scelti nel punto vendita più vicino a casa.


A fotografare questo contesto di continuo e radicale cambiamento, legato soprattutto ai processi e ai comportamenti d’acquisto, è l’edizione 2019 dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, fornendo approfondimenti sull’utilizzo dei social network e, per la prima volta da quest’anno, anche sul ruolo dell’omnichannel nel mondo non alimentare.


Ruolo che è visibilmente cresciuto di pari passo con l’utilizzo dello smartphone che ha dato alle aziende l’opportunità di integrare brand experience e costumer journey. Il risultato? I “vecchi” retailer e produttori brick & mortar costruiscono un’offerta virtuale, mentre i “nuovi” pure click costruiscono punti vendita fisici. E indipendentemente dalla categoria merceologica interessata.


L’Osservatorio Non Food stima infatti che alla fine del 2018 è l’edutainment il comparto che presenta la maggior quota di mercato sul canale online (42,4% di quota a valore veicolata da Internet), dove ormai vanta una leadership indiscussa, forte anche di una sostanziosa crescita di +7,4% rispetto l’anno precedente. Nel caso dell’edutainment gli acquisti avvengono sia con l’e-commerce, sia con varie applicazioni digitali - a partire dallo streaming, sempre più diffuso soprattutto nel mondo della musica.


Più variegato invece il comparto dell’elettronica di consumo, per cui mediamente il canale online veicola il 10,4% di quota (+1,2% rispetto al 2017), ma con differenze sostanziali tra i vari settori. Fotografia (20,3%) e piccoli elettrodomestici (18,3%) rappresentano i segmenti più performanti, ma nel complesso, comunque, il processo di incremento è evidente, grazie anche a politiche di omnicanalità che le grandi superfici specializzate (GSS) del settore stanno mettendo in atto per contrastare la concorrenza aggressiva dei pure player del web.


A questi due comparti più tecnologici seguono quelli di articoli per lo sport (10,3%), tessile casa (9,9%) e abbigliamento e calzature (7,8%), in cui il peso del web risulta sempre più significativo, non solo per reperire informazioni, ma anche e soprattutto per fare acquisti, sfruttando al massimo le politiche di comunicazione dei brand.

12 Novembre 2019
Articoli Correlati