Con una storia aziendale di oltre sessant’anni, Caseificio Palazzo è protagonista di un rebranding, ispirato ai valori di tradizione e modernità

Il profilo conico dei trulli, simbolo secolare della Puglia nel mondo, l’intreccio delle radici degli ulivi tra le rocce carsiche, il miracolo di una goccia di latte che cade durante la mungitura: sono queste le suggestioni da cui nasce il nuovo logo di Murgella, linea di punta di Caseificio Palazzo.

Con il progetto di rebranding a cura di Studio Proclama, Caseificio Palazzo reinterpreta il suo logo e quello dei suoi due marchi, Murgella e Conquista. Il concept della comunicazione insiste sulla storia dell’azienda, sul suo legame con il territorio della Murgia barese e, al tempo stesso, ne rivela la modernità: da piccolo laboratorio a conduzione familiare destinato al mercato locale, oggi, alla terza generazione, distribuisce i suoi formaggi in tutto il mondo attraverso una rete logistica internazionale.

La neonata brand identity ridisegna i tre loghi, quello di Caseificio Palazzo, di Murgella e di Conquista, attraverso un pattern in bianco e nero, che compare sia negli strumenti di comunicazione (cartacea, online e istituzionale) sia sul packaging dei prodotti. La novità del progetto grafico nasce dalla finalità strategica di valorizzare il carattere familiare dell’azienda: seppur con un linguaggio contemporaneo, infatti, le lettere dei monogrammi recuperano la merlatura dello stemma storico di Putignano, dove l’azienda è nata e dove ancora oggi ha sede.

Il logo di Caseificio Palazzo, “CP”, consiste in un intreccio delle due lettere che ricordano il pomodorino che faceva da pittogramma alla vecchia denominazione “Palazzo Latticini”; la “M” di Murgella è composta da tre elementi che evocano le tre caratteristiche della linea di prodotto: i trulli, il motivo dell’intreccio come riferimento al legame fra la famiglia Palazzo e il territorio, e la goccia, icona del settore merceologico di riferimento, quello lattiero-caseario; il monogramma di Conquista, la lettera “C”, è una crasi grafica fra un fiocco di neve, bianca come il latte, e i rami di un ulivo, simbolo che rende famosa la Puglia nel mondo.