Loading...
Aggiornato al: 07 Dicembre 2019 15:59
Finanza
Amaro Lucano vuole di più dalle acquisizioni

Amaro Lucano a tutta forza: il gruppo di Pisticci (Matera), dopo avere rilevato, alla fine del 2014, Limoncetta di Sorrento da Campari, si prepara a chiudere il bilancio 2015 con un fatturato di 23,5 milioni di euro, in crescita del 27%, passando da 2 a 2,2 milioni di litri di vendite. Un risultato eccezionale, in mercato dei superalcolici in progressiva contrazione.

Lo ha annunciato, al Sole 24 Ore-Radiocor, Leonardo Vena, responsabile marketing, nonché figlio del fondatore, lo scomparso Pasquale Vena, precisando che il piano industriale prevede ulteriori rafforzamenti e un tasso di evoluzione dei volumi nell’ordine del 10-15% all’anno, da conseguire sia mediante un potenziamento dell’export, sia tramite ulteriori acquisti sul nostro mercato. E’ prevista l’inaugurazione di una filiale negli Usa, mentre l’azienda sta lavorando alacremente in Germania, Cina e Canada.

"Dopo Limoncetta – ha spiegato l’imprenditore a Radiocor - cerchiamo altri marchi con una storia interessante su cui investire. Attualmente abbiamo un paio di dossier aperti su cui siamo in fase abbastanza avanzata. Il nostro interesse resta quello del settore beverage, non necessariamente alcolici”.

Ma non è tutto. Vena ha anche parlato di un piano pubblicitario da 10 milioni nel 2016-2018, dell’apertura, in aprile, del primo negozio monomarca a Matera e dell’intenzione di rinnovare completamente gli stabilimenti produttivi.

Le etichette del gruppo, fondato nel 1894, comprendono attualmente i “classici” (amaro, caffè, sambuca e limoncello), 4 marchi di grappe e due di cioccolatini.

22 Febbraio 2016
Articoli Correlati