Loading...
Aggiornato al: 14 Dicembre 2019 16:00
Notizia del Giorno
Novacoop entra nel mercato dell'energia e svela i suoi piani

Ernesto Dalle Rive

Mentre Coop Liguria ha in mente per l’autunno di introdurre l’orario h 24 presso i due punti di vendita pilota di Corso Europa e Fiumara, entrambi a Genova, Nova Coop non si tira certo indietro in fatto di innovazione.

La cooperativa piemontese scende in campo sul mercato del gas e dell’energia elettrica, nell’ottica di fornire ai clienti (in primis, ai soci) una nuova offerta ispirata al risparmio, alla qualità e alla trasparenza. E lo fa con la creazione di una NovaAeg, che sarà operativa entro la fine dell’anno. La nuova società opererà sul mercato locale e, in prospettiva, anche su quello nazionale e sarà rivolta sia al retail sia al corporate.

L’iniziativa segna una nuova espansione nel raggio di azione del gruppo, dopo l’ingresso nei settori della telefonia, dei farmaci e della distribuzione dei carburanti e dopo l’inaugurazione, a Torino, dell’innovativo negozio e ristorante Fiorfood. Sono tutte prove di una marcata creatività.

Guardando all’orizzonte futuro, la cooperativa guidata da Ernesto Dalle Rive si prepara a importanti investimenti. A partire dal 2017, stanzierà oltre 300 milioni per 3 aperture a Torino (nelle aree di via Botticelli, Tne a Mirafiori e Scalo Vallino) e per il progetto di ristrutturazione del supermercato di Vercelli, Largo Chatillon, oltre che per la riqualificazione di alcuni dei negozi già operativi.

I nuovi insediamenti non saranno piastre commerciali tradizionali, ma centri servizio innovativi, che integreranno alle superfici di vendita, spazi dove l’uso della tecnologia sarà messa al servizio di una maggiore e migliore informazione del consumatore.

Gli opening ricalcheranno, in parte, la formula di Fiorfood. Aperto il 3 dicembre 2015 in Galleria San Federico a Torino, sta funzionando in linea con le aspettative. Dall’inaugurazione, gli scontrini battuti sono stati 127.500 per un incasso che si è distribuito al 52% nel settore della somministrazione (con oltre 4.900 coperti nel ristorante e 50.500 nel bistrot) e al 48% nel reparto di vendita tradizionale e di informazione (che conta per circa un 3 per cento).

Nova Coop ha chiuso il bilancio con ricavi da vendite e prestazioni per oltre 1 miliardo e 45 milioni di euro, un utile netto superiore ai 10 milioni e un valore di raccolta di finanziamento fra i soci di 750 milioni di euro, garantiti da un rapporto col patrimonio netto della cooperativa di 1,015, uno dei più solidi del sistema cooperativo.

27 Giugno 2016
Articoli Correlati