Loading...
Aggiornato al: 18 Novembre 2019 12:30
Notizia del Giorno
La gelateria di Pernigotti passa a Gruppo Optima

Dopo una situazione di grave stallo si risolve a sorpresa la vicenda Pernigotti, che cede il ramo d’azienda ‘Ice & Pastry’ a Optima Spa, leader nella produzione e commercializzazione degli ingredienti per gelato.

Gruppo Optima, si legge nella nota ufficiale, considera questa acquisizione come un ulteriore importante passo avanti nella strategia di crescita, affiancando il marchio Pernigotti Maestri gelatieri italiani, storico simbolo dell’industria dolciaria made in Italy dal 1860, a marchi già affermati come Mec3, Modecor e Giuso.

Controllata, dalla fine del 2017, da Charterhouse Capital Partners, Optima è diffusa in oltre 150 Paesi nel mondo attraverso una rete capillare di agenti e distributori.

Il gruppo comprende Modecor Italiana – azienda di riferimento a livello europeo nella produzione di decorazioni per pasticceria, acquisita nel novembre 2017 –, Giuso Guido – specializzata nella produzione di composti per gelateria e pasticceria artigianali, acquisita a maggio 2018 -, e Mec3, leader nella produzione di ingredienti per la gelateria e la pasticceria artigiani, fondata nel 1984.

Restano invece al gruppo Toksoz il marchio Pernigotti 1860 e la proprietà dell’intero sito produttivo di Novi Ligure “garantendo la produzione di preparati per gelato, cioccolato, praline e torrone - già ripartita dal 23 luglio scorso - tramite l’impiego del personale, dei macchinari e dello storico know-how”.

Commenta Pierluigi Colombi, chief financial officer di Pernigotti: “Nel Gruppo Optima abbiamo trovato sia il soggetto ideale a cui cedere la divisione Ice&Pastry, sicuri di affidarla ai migliori professionisti del settore per farla crescere e prosperare, che un possibile partner di lungo periodo con cui collaborare nei prossimi anni a progetti sinergici. L’accordo raggiunto rappresenta un tassello fondamentale per il piano di sviluppo della divisione confectionary, grazie al consolidamento delle attività e conseguente rivalorizzazione dello stabilimento di Novi Ligure”.

Il progetto, illustrato ieri, 1° ottobre, al Mise, verrà approfondito durante l’incontro previsto per oggi, 2 ottobre.

02 Ottobre 2019
Articoli Correlati