di Claudia Scorza

Scarpe&Scarpe, azienda italiana con 135 negozi diretti sparsi sul territorio nazionale e riferimento per il mercato di calzature, accessori, abbigliamento e valigeria, annuncia i dati finanziari del 2022 e getta le basi per un 2023 al rialzo. Il 2022 si è chiuso con un incremento del 15% rispetto al 2021, passando da un fatturato di 180 milioni a oltre 207 milioni di euro.

L’inversione di rotta si registra in particolare nell’ultimo quadrimestre dell’anno appena trascorso con un giro d’affari pari a 75,3 milioni, a seguito dell’ingresso nel capitale di Rsct (Responsible & Sustainable Corporate Turnaround Fund), il fondo di credito Utp di Pillarstone che supporta il rilancio di aziende italiane, che ha rilevato il 70% dell’equity di Scarpe&Scarpe.

Grazie alle nuove risorse immesse dal nuovo azionista, pari a oltre 10 milioni, suddivise tra aucap e rinuncia ai crediti, Scarpe&Scarpe ha dato il via a un solido piano strategico di sviluppo focalizzato sui punti vendita e orientato a una razionalizzazione e diversificazione dell'offerta e al miglioramento dell'esperienza del cliente.

L’obiettivo è di aumentare i volumi di vendita e la marginalità con un fatturato previsto di 230 milioni di euro nel 2023. I dati del primo trimestre, da poco concluso, confermano le stime del fatturato target, facendo registrare un +30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

«Con il fondo abbiamo sviluppato e già messo in atto un ambizioso piano di sviluppo che vede da un lato l’ottimizzazione di costi e risorse, che ci permetterà da subito di incrementare margini e produttività, e dall’altro la diversificazione dell’offerta e l’introduzione nei negozi di soluzioni tecnologiche avanzate per accrescere la customer experience, oltre alla costruzione di un vero business omnichannel che soddisfi appieno o anticipi le aspettative dei nostri clienti», dichiara Marcello Pace, chief executive officer di Scarpe&Scarpe. «Ci focalizzeremo inoltre su mirate attività di marketing con l’obiettivo di aumentare la base di clientela fidelizzata e, a questo scopo, grande importanza verrà riservata anche alla formazione del personale».