Loading...
Aggiornato al: 23 Novembre 2017 15:00
Finanza
Agroittica Lombarda investe sul salmone affumicato e acquista Fjord

Agroittica Lombarda di Calvisano (BS), leader nella produzione di caviale (Calvisius), si è aggiudicata in asta, presso il Tribunale di Busto Arsizio (Va), Fjord, società nota per l’omonimo marchio degli affumicati, in particolare salmone, presente sul mercato dal 1969.

Fjord aveva ricavi notevoli, di circa 32 milioni nel 2013 e quasi 30 nel 2014. Il volume d’affari è però crollato a 23 a causa del periodo di profonda crisi attribuibile sia a fattori interni, sia di mercato. Crisi sfociata poi nella richiesta di un concordato preventivo, trasformatosi in fallimento in estate, a giugno 2017.

Agroittica Lombarda, con oltre un centinaio di dipendenti e circa 24 milioni di fatturato, conosciuta per i propri brand nel settore degli ittici di eccellenza, ha deciso di valorizzare il patrimonio di know how, le capacità di ricerca e sviluppo e la forte propensione all’innovazione nel settore di Fjord, che, dopo diversi rilanci, la compratrice si è aggiudicata per un controvalore finale di 3,451 milioni di euro, comprensivi del polo produttivo e logistico di Varese.

Il progetto di sviluppo mira a confermare la Lombardia come polo di eccellenza per la produzione di specialità ittiche a livello internazionale. L’ intervento infatti manterrà in vita, rafforzandolo, l’importante polo varesotto e, grazie alle sinergie produttive e distributive, rafforzerà la leadership di Agroittica sui mercati esteri e su quello interno.

Spiega il presidente, Giovanni Pasini: “Agroittica, vuole giocare un ruolo di leadership anche nell’area degli affumicati, in particolare in quella del salmone dove è già presente con i marchi Calvisus, Agroittica e Cavalier. Un mercato in continua crescita: i dati dei consumi stimano che la domanda italiana valga oltre 300 milioni di euro”.

“L’operazione - prosegue Carla Sora, direttore generale - potrà sviluppare importanti economie di scala: Fjord è nel nostro stesso mercato, ha un’importante vocazione allo sviluppo di nuovi prodotti e alla crescita nella ricerca e sviluppo. Questa operazione di M&A ci darà la possibilità di utilizzare l’importante esperienza commerciale e la stessa rete di vendita di Agroittica, la capacità produttiva dello stabilimento di Busto Arsizio di Fjord e l’ottenimento di forti sinergie tra marchi conosciuti da decenni per gli elevati standard qualitativi”.

06 Novembre 2017
Articoli Correlati