Loading...
Aggiornato al: 25 Maggio 2017 17:30
Real Estate
Il Valmontone si conferma l’outlet più frequentato d’Italia

Il Valmontone Outlet chiude positivamente un anno ricco di novità, il secondo della gestione Promos, dedicata al rilancio della struttura grazie all’ampio piano di restyling iniziato a gennaio 2015 e focalizzato su tre macro aree: property, marketing e commerciale.


L’anno appena concluso è stato caratterizzato dall’apertura della nuova Food Court, la prima in un outlet, con un nuovo ingresso dedicato e orari prolungati rispetto al centro. La corte occupa un’area di 3.000 mq e ospita 7 unità commerciali con brand della ristorazione noti a livello nazionale ed internazionale: Alice Pizza, Burger King, Casa Angelesi (marchio della catena di Farinella), Cono, KFC Kentucky Fried Chicken, La Piadineria, Old Wild West.

Importanti novità anche tra le nuove boutique: Denny Rose, Nivea, RefrigiWear, Swarovski, Tempur, Original Marines, Primadonna, Barbuti, Pianura Studio, Converse, Guess, Boutique Nespresso e l’alta pasticceria Petit Bouclè. In occasione dei saldi invernali gli oltre 180 store del centro propongono sconti fino al 50% sul prezzo outlet e, dal 5 all’8 gennaio, più di 150 mila visitatori hanno scelto la cittadella dello shopping romano, sfidando le temperature rigide che hanno interessato il centro-sud nei giorni scorsi. Importante, in particolare, l’incremento di footfall nei primi due giorni saldi, rispetto all’anno precedente, con un +23% nel giorno d’avvio.

Nel 2016 il Valmontone Outlet è stato scelto come meta di shopping e divertimento da più di 6.5 milioni di visitatori (+5,7% rispetto all’anno precedente).

Tomaso Maffioli, Amministratore Delegato di Promos commenta: “Chiudiamo questo secondo anno di gestione positivamente, con un fatturato in crescita del 6% e con un incremento pari al 13% dall’inizio del nostro mandato. I dati positivi raccolti sono una conferma dell’efficacia e del gradimento, da parte della nostra clientela, degli investimenti fatti in nuovi format - come quello della Food Court, con i primi incrementi, in termini di visite, già riscontrati nelle primissime settimane di attività -, della valorizzazione dell’offerta fashion e della crescente attenzione dedicata all’intrattenimento nel centro.”

10 Gennaio 2017
Articoli Correlati