Loading...
Aggiornato al: 18 Settembre 2019 15:30
Pubblicità
Riso Gallo ci guida alla scoperta dei migliori risotti
Nell'elegante cornice di Cracco-Peck, si è svolta la presentazione della Guida Gallo 7ª edizione “100 risotti dei migliori ristoranti del mondo”, appuntamento diventato ormai una piacevole e gustosa consuetudine per tutti i gourmet, che coincide con il 150° anniversario di Riso Gallo.

La Guida Gallo 7ª edizione è una collezione di 100 risotti, capolavori dell'estro creativo di grandi chef italiani e stranieri, corrispondenti ad altrettanti ristoranti in ogni parte del mondo: 53 italiani e 47 esteri, in ben 23 nazioni dei cinque continenti.

Le fantasiose ricette rinnovate nella forma e nella sostanza, sono create con ingredienti particolari per trasformare il risotto in un'opera d'arte che stupisce non solo il palato, ma anche la vista.
Pagina dopo pagina, il lettore sarà conquistato dalle molteplici forme che il risotto assume, grazie all'utilizzo sempre più frequente di stampi e alla fantasia dello chef nell'interpretare i gusti e le tendenze attuali. I risotti presentati nella Guida Gallo sono un esempio di come uno stesso semplice ingrediente, possa diventare fantasioso e mai banale, un piatto dai 100 volti grazie alla maestria e all'abilità degli chef.

Tante le novità della Guida Gallo 7ª edizione, firmata per la prima volta da Gribaudo - Divisione Il Gusto, editore che da sempre guarda con attenzione all'enogastronomia di alta qualità: nuova la cartografia e l'impaginazione con le informazioni sul ristorante e il profilo dello chef, ma anche una cura particolare ai grandi vini di qualità della produzione italiana e internazionale, che accompagnano le ricette dei 100 risotti.
Alla tradizionale edizione bilingue italiano-inglese, si aggiunge quest'anno una versione bilingue francese-tedesco, che contribuirà a rendere ancora più internazionale la Guida.

Di ogni ristorante si possono scoprire curiosità e caratteristiche salienti, suggerimenti su come raggiungere il locale e di ogni chef viene raccontato il profilo. Il tutto alternato da suggestive immagini con particolari di interni ed esterni dei ristoranti e dei rispettivi chef e patron. Le ricette dei 100 risotti, descritte con fedeltà, completano il volume, per chi vuole provare l'emozione di emulare i grandi maestri nell'arte del risotto.

In copertina Il risotto come un “cacciucco”, ricetta vincitrice del concorso Premio Gallo Risotto dell'Anno, una creazione di Alessandro della Tommasina, 25 anni, di Massa, chef capo partita all'Enoteca Pinchiorri di Firenze, che ha vinto proponendo uno dei piatti tradizionali della cucina toscana, in versione risotto.

E come sempre ad aprire la Guida Gallo la firma di un prestigioso nome del mondo della cultura e del Made in Italy. Dopo Alberto Bevilacqua, Francesco Alberoni, Enzo Biagi, Lina Sotis, Giorgio Armani, il testimonial passa adesso ad un altro importante nome dell'alta moda, Ferruccio Ferravamo. Il legame con la moda nasce spontaneo, se si pensa alla creatività che ogni nuova ricetta richiede ed esprime. Il risotto sta diventando di moda, inoltre, anche in paesi dove il riso si consuma in tutt'altro modo: in Giappone, per esempio. Nella sua elegante prefazione, Ferravamo dichiara: “…Il risotto è uno dei miei piatti preferiti e non solo per la sua estrema versatilità, dato che si presta a innumerevoli combinazioni culinarie, ma anche perché è un piatto tipicamente italiano… Personalmente amo in modo particolare il risotto bagnato nel vino rosso, forse perché dedico molto del mio tempo libero all'azienda agricola del Borro, in Toscana, dove fra le altre cose produciamo varie qualità di vino rosso. E apprezzo in modo speciale gli chef che riescono a dedicare la loro passione alla creatività di sapori originali, ma con ingredienti semplici.”

“Attraverso la Guida Gallo, grazie al prezioso coinvolgimento di grandissimi chef di fama internazionale, siamo riusciti negli anni a dare slancio e visibilità al risotto, che da piatto tipico della tradizione italiana, oggi è diventato ambasciatore dell'alta gastronomia nei ristoranti di tutto il mondo, rispondendo a un'immagine di cucina colta, raffinata e fantasiosa” - afferma con orgoglio Mario Preve, presidente Riso Gallo. “D'altra parte è evidente che il risotto sta vivendo un importante restyling gastronomico, grazie alla fantasia degli chef che hanno rinnovato le ricette, ma anche il modo di presentarle in tavola. Oggi il risotto si è anche verticalizzato, viene proposto non solo in piatti, ma in bicchieri, tazze di vetro… e nelle pagine della nuova guida emerge proprio questo nuovo estro creativo”.

24 Novembre 2006
Articoli Correlati