Loading...
Aggiornato al: 27 Aprile 2015 17:30
Normative
Verso politiche promozionali più efficaci per l’agroalimentare

Per comunicare in maniera più incisiva le caratteristiche e l'alta qualità dei prodotti della filiera agroalimentare Made in Europe, la Commissione Europea, per l'anno in corso, non solo ha stanziato attorno ai 50 milioni di euro per attività connesse alla promozione e informazione riguardo i prodotti in questione, ma si è anche attivata per rendere più efficace questo tipo di  operazioni, al fine di accrescere la competitività del settore dell'agroalimentare a livello internazionale.

Con questo obiettivo, è stato adottato in sede Ue il documento "Politica di informazione e promozione dei prodotti agricoli: una strategia a forte valore aggiunto europeo per promuovere i sapori dell'Europa".

Sono 4 gli aspetti principali attorno a cui ruota il progetto: sottolineare con più forza il valore aggiunto della produzione europea, sviluppare programmi e iniziative capaci di stimolare maggiormente l'interesse degli interlocutori, puntare su una gestione più snella ed efficace della comunicazione, favorire una maggior interazione fra i vari strumenti di promozione.

Oltre a lavorare, nell'immediato, a delle strategie comunicative più valide e attraenti, Bruxelles sta anche valutando come impostare la politica promozionale dell'agroalimentare nel medio lungo periodo. Per questa ragione, entro la fine del 2012 la Commissione Europea presenterà delle proposte legislative ad hoc, così da arrivare alla realizzazione di un regolamento più sistematico e meglio strutturato sull'argomento.

23 Aprile 2012
Articoli Correlati
I valori d’impresa nel III millennio raccontati in un libro
“L’impresa del terzo millennio” è il nuovo volume della collana Piccola Biblioteca d’Impresa Inaz, all’interno del quale si riflette su un modo d’intendere l’economia che favorisca anche la crescita sociale e civile. Il libro ospita anche le testimonianze degli imprenditori che hanno imboccato questa strada con successo.
Macellazione, obbligatoria l'indicazione del Paese d’origine
Dal primo aprile è in vigore il nuovo regolamento in materia di indicazione del Paese di origine o del luogo di provenienza delle carni.
Capire il mondo per cambiarlo con lo sviluppo sostenibile
Il direttore dell'Earth Institute, Jeffrey Sachs, pubblica, con Egea, L'era dello sviluppo sostenibile, nelle librerie in occasione della Giornata mondiale della terra.
Cambiamenti in vista per le norme ISO 9001 e BRC Issue 7
Sarà attiva da settembre la nuova versione della norma ISO 9001. Novità anche per la BRC Issue 7, obbligatoria da luglio.
Ottenere risultati attraverso l'accountability
Come raggiungere gli obiettivi prefissatisi nel proprio business? Lo spiega il volume “Il Principio di Oz”, proposto questa settimana da Distribuzione Moderna.
Ue, arrivano nuove norme sui prodotti del tabacco
Entro due mesi il governo è delegato a emanare un dlgs sulla lavorazione, la presentazione e la vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati.