Loading...
Aggiornato al: 24 Maggio 2015 10:00
Libreria
Per un’Italia più competitiva serve un cambio di mentalità
Perché il sistema imprenditoriale italiano, negli ultimi anni, ha perso progressivamente competitività? E ancora, come possiamo valorizzare il know how Made in Italy e rendere i nostri prodotti globali e, al contempo, unici e non omologati? A queste domande cerca di dare una risposta il volume “L’internazionalizzazione del tortellino. Pene e travagli dell’Italia nel mercato globale”, recentemente pubblicato da Lupetti Editore. Il “tortellino”, cui si fa riferimento nel titolo, assurge ad emblema delle tante tipicità e produzioni italiane che possono favorire un processo di internazionalizzazione della nostra economia.

Più nel dettaglio Giovanni Roncucci (l’autore del volume, con una vasta esperienza come economista d’impresa, maturata affiancando le aziende sui mercati internazionali) traccia un’analisi di quelli che sono i punti di forza e le carenze del nostro sistema produttivo. Lo fa intrecciando temi più propriamente economici con considerazioni sociologiche al fine di spiegare il perché di certi comportamenti che caratterizzano gli imprenditori italiani e li distinguono da quelli di altri paesi.

Il risultato di questo studio? La perdita di competitività si spiega con la mancanza di cultura dell'internazionalizzazione, per motivazioni in parte legate all'orientamento al prodotto, in parte derivanti da connotazioni comportamentali consolidate e difficili da sradicare.

Ma il minor appeal dell’Italia a livello economico può anche dipendere dalla nostra debole identità nazionale, che mal si accompagna all’accettazione di un sistema di regole condiviso e alla promozione e valorizzazione di un sistema paese. In definitiva, secondo Roncucci, se si vuole tornare a crescere e a imporsi sui mercati esteri, occorre partire, prima di tutto, da un rinnovamento culturale.

L’internazionalizzazione del tortellino. Pene e travagli dell’Italia nel mercato globale
Lupetti Editore
di Giovanni Roncucci
pagine: 136
prezzo: 18 euro

19 Marzo 2012
Articoli Correlati
Rifiuti, in vigore dal primo giugno le regole Ue
Termina il problematico periodo iniziato per le imprese lo scorso 18 febbraio, data dalla quale hanno dovuto iniziare a trattare alcuni resti di demolizione come sostanze pericolose.
Sud innovation. Patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza
Il volume riflette sull’innovazione sociale applicata alla gestione del patrimonio culturale, con un campo di osservazione sulla realtà meridionale e mediterranea.
La buona storia della Valledoro
L'azienda ha presentato presso la propria sede il libro “la buona storia della Valledoro”.
Ambientalisti Ue si mobilitano in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Mobilitazione degli ambientalisti europei in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Il Parlamento Europeo dice sì alla riduzione del consumo di sacchetti in plastica
Con un voto a larghissima maggioranza il Parlamento Europeo ha approvato definitivamente la Direttiva che obbliga gli Stati Membri a ridurre il consumo di sacchetti in plastica per asporto merci, riconoscendo la libertà di ciascun Paese ad adottare le proprie strategie di riduzione.
Crescere attraverso il marketing
Il volume consigliato da DM mostra ai manager di oggi quali sono le strategie di marketing migliori per crescere nonostante la crisi.
Ambiente: Strasburgo vota tetto su produzione biocarburanti
L'Aula del Parlamento di Strasburgo ha appena approvato a larghissima maggioranza un accordo informale su un progetto di legge che fissa il tetto massimo per la produzione di biocarburanti derivanti da culture agricole, con l'obbiettivo di accelerare il passaggio a fonti alternative.