Loading...
Aggiornato al: 22 Maggio 2015 15:00
Libreria
L’innovazione nella supply chain aumenta la competitività aziendale
Come ci sentiamo ripetere ormai da diverso tempo, l’Italia deve tornare ad essere maggiormente competitiva sui mercati internazionali, rafforzando il primato delle produzioni del Made in Italy.  Affinché il valore dei nostri brand e la qualità dei prodotti abbiano maggior peso all’estero, è necessario però investire anche in innovazione dei processi di business.



E’ questa la tesi centrale di “Supply chain management e made in Italy”, volume che documenta il contributo delle attività di supply chain management alla competitività delle aziende e identifica le aree di innovazione nei processi di Scm (Supply chain management) in grado di sostenere il differenziale competitivo basato sui tradizionali elementi di riconoscibilità e qualità.


Per illustrare l’importanza e le potenzialità delle operazioni di Scm, il libro descrive nove casi aziendali espressione dell’eccellenza italiana: Barilla, Granarolo, Lavazza, B&B Italia, Elica, Poltrona Frau Group, Loro Piana, Luxottica, Piquadro. Come emerge in modo univoco dai casi esaminati, l’adozione di prassi di integrazione dei processi e lo sviluppo di logiche di collaborazione con gli attori a monte e a valle della supply chain consente di consolidare in misura significativa la competitività aziendale.

Infatti lo sviluppo di relazioni inter-organizzative  - finalizzato alla ricerca non solo di razionalizzazioni operative di breve termine, ma anche di soluzioni innovative per favorire la riorganizzazione delle modalità di gestione dei processi - permette di conseguire miglioramenti sensibili sul fronte delle prestazioni sia di carattere economico-finanziario sia di natura operativa.



Dunque, perché l’industria italiana possa ritornare a crescere, le imprese devono lavorare congiuntamente su tre aspetti: brand, qualità di prodotto, organizzazione dei processi di supply chain management.

Supply chain management e made in Italy
Di Egea
Raffaele Secchi
312 pagine
33 euro
26 Marzo 2012
Articoli Correlati
Rifiuti, in vigore dal primo giugno le regole Ue
Termina il problematico periodo iniziato per le imprese lo scorso 18 febbraio, data dalla quale hanno dovuto iniziare a trattare alcuni resti di demolizione come sostanze pericolose.
Sud innovation. Patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza
Il volume riflette sull’innovazione sociale applicata alla gestione del patrimonio culturale, con un campo di osservazione sulla realtà meridionale e mediterranea.
La buona storia della Valledoro
L'azienda ha presentato presso la propria sede il libro “la buona storia della Valledoro”.
Ambientalisti Ue si mobilitano in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Mobilitazione degli ambientalisti europei in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Il Parlamento Europeo dice sì alla riduzione del consumo di sacchetti in plastica
Con un voto a larghissima maggioranza il Parlamento Europeo ha approvato definitivamente la Direttiva che obbliga gli Stati Membri a ridurre il consumo di sacchetti in plastica per asporto merci, riconoscendo la libertà di ciascun Paese ad adottare le proprie strategie di riduzione.
Crescere attraverso il marketing
Il volume consigliato da DM mostra ai manager di oggi quali sono le strategie di marketing migliori per crescere nonostante la crisi.
Ambiente: Strasburgo vota tetto su produzione biocarburanti
L'Aula del Parlamento di Strasburgo ha appena approvato a larghissima maggioranza un accordo informale su un progetto di legge che fissa il tetto massimo per la produzione di biocarburanti derivanti da culture agricole, con l'obbiettivo di accelerare il passaggio a fonti alternative.