Loading...
Aggiornato al: 27 Maggio 2015 09:30
Normative
Accesso ai fondo europeo di sviluppo regionale: serve maggior efficienza
Le spese eseguite dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) per gli strumenti finanziari a favore delle piccole e medie imprese si stanno dimostrando poco efficaci e funzionali: a comprometterne l’utilità è l’inadeguatezza del quadro normativo per i diversi tipi di strumenti finanziari utilizzati.

Così si è espressa recentemente la Corte dei conti europea, che ha segnalato ritardi frequenti e significativi nell’invio dei fondi alle Pmi destinatarie e ha evidenziato, inoltre, che le azioni effettuate sino ad oggi si sono rivelate inadeguate anche al fine di attrarre investimenti privati.

Perché ci si trova in questa situazione? Fra le ragioni principali, dobbiamo ricordare che il quadro normativo dei Fesr era nato, inizialmente, solo per erogare sovvenzioni, e non per tener conto delle specificità degli strumenti di debito e di capitale utilizzati. Di qui, l’insorgere della serie di lungaggini e di inadempienze che hanno contraddistinto il funzionamento del meccanismo di erogazione dei fondi.

Perché la “macchina” Fesr cominci a funzionare in modo opportuno, la Corte dei conti dell’Ue ha formulato alcune raccomandazioni affinché la Commissione migliori il quadro normativo relativo alle varie tipologie di strumenti finanziari, con lo scopo di accrescerne l’efficienza. Si sta pensando, per esempio, di far sì che le proposte degli stati membri siano giustificate da adeguate valutazioni del deficit di finanziamenti o, ancora, di fornire ai paesi strutture e strumenti semplificati e collaudati, in modo da velocizzare l’iter di accesso ai fondi.
03 Aprile 2012
Articoli Correlati
Presentato il primo manuale di buone prassi per l’uso del ghiaccio alimentare
Approvato dal Ministero della Salute secondo quanto previsto dal Reg. CE 852/2004, il Manuale è uno strumento indispensabile per la tutela della sicurezza alimentare dei consumatori.
Rifiuti, in vigore dal primo giugno le regole Ue
Termina il problematico periodo iniziato per le imprese lo scorso 18 febbraio, data dalla quale hanno dovuto iniziare a trattare alcuni resti di demolizione come sostanze pericolose.
Sud innovation. Patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza
Il volume riflette sull’innovazione sociale applicata alla gestione del patrimonio culturale, con un campo di osservazione sulla realtà meridionale e mediterranea.
La buona storia della Valledoro
L'azienda ha presentato presso la propria sede il libro “la buona storia della Valledoro”.
Ambientalisti Ue si mobilitano in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Mobilitazione degli ambientalisti europei in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Il Parlamento Europeo dice sì alla riduzione del consumo di sacchetti in plastica
Con un voto a larghissima maggioranza il Parlamento Europeo ha approvato definitivamente la Direttiva che obbliga gli Stati Membri a ridurre il consumo di sacchetti in plastica per asporto merci, riconoscendo la libertà di ciascun Paese ad adottare le proprie strategie di riduzione.