Loading...
Aggiornato al: 05 Luglio 2015 15:49
Successi e Strategie
Percassi (Kiko) si rifà il trucco con Madina
Gruppo Percassi, già presente nel settore cosmetico con Kiko, ha siglato un accordo con Intercos, societa' italiana attiva nella produzione di make up colorato, per la cessione dei marchi “Madina”, “Madina Revolution” e “Madina C” e dei 20 punti vendita italiani ed esteri, sia di proprietà che in franchising.

In linea con il proprio modello di business, che prevede la realizzazione di prodotti cosmetici (quali rossetti, ombretti, mascara, fondotinta e ciprie) per i principali operatori internazionali e non la distribuzione di marchi, Intercos ha deciso di cedere l’attività creata 17 anni fa a titolo di sperimentazione, una volta trovato l’acquirente giusto per l’operazione.

L’azienda, che conta 3 stabilimenti in Italia e 8 all’estero (in Svizzera, Stati Uniti, Cina, Malesia e presto anche in Brasile), opera in tutta la catena del valore della produzione di cosmetici e si distingue per la capacità di innovazione: 460 persone - il 15% circa dei 3.183 dipendenti del Gruppo - sono, infatti, dedicati all’attività di R&S nei centri di ricerca presenti in Italia, negli Stati Uniti e in Cina.

I negozi Madina nel mondo coprono non solo l’Europa, ma anche il Giappone, il Messico, il Qatar, Israele, Arabia Saudita e Iran; il brand ha fatto dei propri punti vendita, recentemente rinnovati, dei luoghi di ‘self beauty’ dove la bellezza è protagonista e sono disponibili a prezzi accessibili sia la linea classica Madina Milano che la linea Revolution con prodotti innovativi inediti.

Un'acquisizione strategica, dunque che permetterà a Percassi di crescere ulteriormente nel mondo della cosmetica. Dopo infatti aver lanciato e consolidato sul mercato il marchio Kiko con decine di aperture dal 1997 ad oggi,  il gruppo oggi con questa acquisizione strategica guadagna una fetta di mercato non indifferente.

Massimo Dell’Acqua, Direttore Generale di Percassi, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di quest’acquisizione che conferma l’attività di consolidamento nel settore della cosmetica che il Gruppo  sta perseguendo con successo anche al di fuori dei confini nazionali e di cui Kiko è stato il primo passo. Puntiamo a replicare quella formula di mercato vincente, basata sull’offerta di un’ampia gamma di prodotti con un rapporto qualità-prezzo altamente competitivo, cogliendo in modo tempestivo i trend emergenti”.
02 Maggio 2012
Articoli Correlati
Cpr System: il bilancio galoppa e si tinge di verde
L’azienda leader italiana degli imballaggi in plastica a sponde abbattibili e riutilizzabili, mette a segno nel 2014 risultati positivi sul piano economico, nonostante la crisi, con 111 milioni di movimentazioni di casse, 518.000 movimentazioni di mini bins e quasi 5 milioni di movimenti dei pallet.
Italmark rileva il 70 per cento di Family Market
Il gruppo guidato da Marco Odolini si rafforza ulteriormente nell’area bresciana. Fabrizio Uberti resta in azienda con il 30%.
Conad cresce dell’1% e si prepara a investire 750 mln
Il bilancio presentato oggi in occasione della assemblea annuale dei soci evidenzia per la catena guidata da Francesco Pugliese un incremento dell’1% del fatturato, salito a 11,7 miliardi di euro, e un ambizioso piano triennale di investimenti destinati allo sviluppo della rete.
Lidl vince il premio Positive Business Award
L'azienda multinazionale leader nella grande distribuzione organizzata, ha ricevuto a Milano il “Positive Business Award” per le categorie Innovation - Repositioning e Social Network.
Crai: nel 2014 il fatturato della rete totale cresce del 24%
L'insegna registra nel 2014 un incremento del 24% nel fatturato dell’intera organizzazione, a conferma del successo della strategia di sviluppo e rinnovamento intrapresa negli ultimi anni.
Granterre-Parmareggio: nel 2014 crescono volumi, fatturati e utile netto
Il Gruppo, leader nel mercato del Parmigiano Reggiano, chiude per il settimo anno consecutivo un bilancio positivo, confermando risultati solidi e crescenti nel tempo, nonostante il calo registrato nei prezzi di vendita del formaggio e del burro.
Nordiconad cresce in Piemonte e Valle d’Aosta e investe nello sviluppo
Il fatturato 2014 sale a 300,4 milioni di euro, lo 0,5 per cento in più rispetto all’anno precedente, 11 le nuove aperture previste nel piano quadriennale di sviluppo al 2017.