Loading...
Aggiornato al: 22 Novembre 2017 17:30
Successi e Strategie
Molino Andriani chiude il 2015 a +8,3% e diventa una SpA

Molino Andriani chiude il 2015 con un fatturato di 33,5 milioni di euro e trasforma l’assetto societario in SpA.

L’azienda pugliese specializzata nella produzione e distribuzione di alimenti gluten free fa registrare buoni risultati in tutti i principali indicatori finanziari e stima per il 2016 un incremento di oltre il 30%.

Andriani, tra le più importanti realtà nel settore innovation food senza glutine, annuncia di aver chiuso l’esercizio fiscale 2015 con un fatturato globale che si attesta a 33,5 milioni di euro e con un incremento dell’8,3% per l’utile ante imposte pari a 5.7 milioni di euro.

La realtà pugliese opera sia in qualità di copacker per i principali brand a livello mondiale, sia per conto proprio con la produzione e distribuzione di prodotti a marchio Felicia Bio e Biori.

Le buone performance di Andriani sono trainate in particolare dalla grande crescita dei prodotti gluten free a marchio Felicia Bio che hanno generato un incremento del 64% per un valore di fatturato di 2.5 milioni di euro. Si prevede che il trend di crescita del brand Felicia continuerà per tutto il 2016, con una previsione di ricavi globali al 31 dicembre 2016 di 4 milioni di euro, grazie a politiche di marketing innovative, sperimentazione di nuove ricette, qualità dei prodotti e ingresso in ulteriori mercati e canali distributivi.

Andriani, che ha recentemente trasformato il proprio assetto societario in SpA, può contare su una produzione globale di oltre 18.000 tons/anno ovvero 50.000.000 di confezioni di pasta nei vari formati prodotte nel 2015, la presenza in 27 paesi, 100 brand gestiti, 5 linee di produzione, 9 linee di confezionamento, oltre 30 formulazioni diverse con più di 20 materie prime utilizzate tra cui riso, mais, quinoa, grano saraceno, amaranto, lenticchie e piselli.

La realtà è ormai notoriamente riconosciuta, a livello globale, quale leader di mercato nel settore della pasta gluten free, in particolare nel mercato italiano, francese, tedesco e americano.

La strategia sulla quale Andriani ha prioritariamente puntato sono investimenti sul prodotto e sul processo industriale, qualità, innovazione e prezzo. Il punto di forza di dell’azienda è rappresentato anche da tecnologia, packaging e canali distributivi.

Per consolidare la presenza del brand in Italia e in Europa è previsto il rafforzamento della rete vendita supportato da un potenziamento delle politiche di marketing dedicate e a nuovi investimenti nelle attività di promozione.

“Siamo particolarmente soddisfatti dei risultati ottenuti e per il futuro abbiamo obiettivi ancora più ambiziosi. Prevediamo un andamento positivo per tutto il 2016 che vedrà un significativo incremento delle produzioni per conto terzi e un forte sviluppo di quelle a marchio Felicia. Stimiamo inoltre di ultimare gli investimenti nel settore molitorio e di avviare le attività di produzione di farine sia per fabbisogno interno che per vendite a terzi. L’obiettivo è chiudere il prossimo esercizio fiscale con un fatturato globale di 45 milioni di Euro e un indicatore di profittabilità in crescita“, ha dichiarato Michele Andriani, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Andriani Spa.

10 Ottobre 2016
Articoli Correlati