Loading...
Aggiornato al: 27 Maggio 2015 19:57
Successi e Strategie
La strategia vincente del gruppo Gabrielli
Qualcuno l’ha definito l'Esselunga del Centro-Sud, un paragone che lusinga ma che Giancarlo Gabrielli, presidente dell’omonimo gruppo creato da suo padre nel lontano 1953 ad Ascoli Piceno, quasi sminuisce sostenendo di essersi limitato nei suoi 50 anni di carriera a svolgere al meglio il suo lavoro. Fatto sta che è riuscito a trasformare i magazzini di famiglia in una rete commerciale con 168 punti vendita all’attivo che diventeranno 182 alla fine del 2012 per superare, nel 2014, la soglia dei duecento.

Il Gruppo Gabrielli, una delle più importanti realtà della grande distribuzione nel centro Italia ha archiviato il 2011 con un fatturato complessivo pari a quasi 588 milioni di euro. Uno degli obiettivi principali dell’azienda per il 2012 è lo sviluppo della rete attraverso nuove aperture concentrate soprattutto nell’ambito di supermercati e vicinato, mentre le inaugurazioni di superstore e superfici di maggiori dimensioni sono rimandate ai primi mesi del 2013.

I punti vendita all’attivo sono attualmente 168 dislocati tra Marche, Abruzzo, Umbria, Molise e Lazio. Proprio in quest'ultima regione, sin da quest'anno, si concentreranno i progetti di espansione di Gabrielli: l'incremento del numero dei negozi passerà infatto dagli attuali 25 a 46 con un'incidenza sul totale pari al 15%. L'azienda continua a rosicchiare quote di mercato ai big – cooperativi e non – con una strategia basata su partnership con imprenditori locali e la multicanalità spinta, dalle insegne Tigre e Tigre amico ai 13 (14, con l'imminente apertura a Teramo) superstore Oasi.

La crisi si è comunque fatta sentire: il fatturato ha segnato un 6% in più rispetto ai 556 milioni del 2010, perché a parità di superfici la dinamica è stata del +2% nei superstore e di -0,5% per supermercati e superette, pur a fronte di un aumento complessivo del 2% delle quantità vendute. Lo scontrino medio è sceso così come la capacità di spesa, ma ciò non ha portato a ridimensionare i piani di sviluppo.

Nel corso del 2011, infatti, l’ammontare degli investimenti effettuati dal Gruppo è stati pari a 15.540.000 euro. Lo sviluppo è stato caratterizzato anche da un aumento consistente dei livelli occupazionali che hanno raggiunto complessivamente le 2.450 unità e di questi 1.750 sono addetti diretti e 700 indiretti. Alla fine del 2012 i dipendenti secondo le previsioni diventeranno complessivamente 2.570 unità e di questi 1.820 saranno lavoratori diretti e 750 indiretti.
20 Marzo 2012
Articoli Correlati
Granterre-Parmareggio: nel 2014 crescono volumi, fatturati e utile netto
Il Gruppo, leader nel mercato del Parmigiano Reggiano, chiude per il settimo anno consecutivo un bilancio positivo, confermando risultati solidi e crescenti nel tempo, nonostante il calo registrato nei prezzi di vendita del formaggio e del burro.
Nordiconad cresce in Piemonte e Valle d’Aosta e investe nello sviluppo
Il fatturato 2014 sale a 300,4 milioni di euro, lo 0,5 per cento in più rispetto all’anno precedente, 11 le nuove aperture previste nel piano quadriennale di sviluppo al 2017.
Gruppo Lillo (Md e Ld) annuncia un piano da mezzo miliardo di euro
Con oltre 720 punti di vendita il gruppo è attualmente il secondo discounter della Penisola, alle spalle di Eurospin (circa 1.000 negozi) e prima di Lidl, che di strutture ne ha 520, ma che prevede circa 75 opening e 2.000 assunzioni nel biennio 2015-2016.
Unicoop Tirreno favorisce la formazione di nuove imprese cooperative
E’ aperto dal 1° maggio al 1° luglio 2015 il bando di concorso lanciato da Unicoop Tirreno, in collaborazione con Coopfond, per contribuire alla formazione di nuove imprese cooperative.
Datalogic: ricavi preliminari di vendita a +13% nel 1° trimestre
I ricavi preliminari delle vendite del primo trimestre 2015 si attestano a 122,3 milioni di euro con una crescita del 13% rispetto allo stesso periodo del 2014 (a cambi costanti in crescita del 4%) e in leggero decremento rispetto al quarto trimestre dello scorso anno.
Gruppo VéGé si rafforza in Puglia con Ferì
Il Gruppo pugliese ha in programma nel corso dell’anno il taglio del nastro di 9 punti vendita in affiliazione e gestione diretta. Le prime aperture riguarderanno l’ipermercato Sidis da 1.300 mq a Squinzano, con tutti i reparti merceologici incluso l’abbigliamento sportivo, e due supermercati Sidis a Martano e Scorrano, rispettivamente da 450 e 380 mq.
PAC 2000A sempre più attiva in Calabria
Fatturato a 255 milioni di euro e 19,4 per cento di quota di mercato, con trend in costante crescita. Nuovi progetti per le carni bovine calabresi e podoliche e per l’ortofrutta, con un localismo che reinveste in regione innescando un circolo virtuoso anche sull’indotto. Nel corso del 2014 Pac 2000A ha sviluppato un fatturato di 255 milioni di euro, in crescita del 4,9% rispetto all’anno precedente.