Loading...
Aggiornato al: 19 Febbraio 2019 10:00
Notizia del Giorno
La Commissione Ue vuole mettere le calorie del vino in etichetta

Sta creando molta in agitazione nel mondo vinicolo quanto ha ricordato Denis Pantini, di Nomisma, durante l’ultimo Wine2Wine, il forum di settore svoltosi a Verona il 2 e 3 dicembre.

L’Unione europea sta affrontando il problema dell’etichettatura nutrizionale del vino, finora non obbligatoria. Un duro colpo per un prodotto che, notoriamente, ha un potere nutritivo piuttosto elevato e che aumenta naturalmente in funzione del consumo individuale, il che è ovvio, e del tenore alcolico, il che è meno ovvio.

A questo punto i vini, a partire da quelli più ‘robusti’, rischierebbero di essere penalizzati, in un mondo di consumatori estremamente attenti alla dieta e alla linea.

Per ora è uno scenario ipotetico - ma la Commissione Ue sembra intenzionata a bruciare le tappe – e non ci sono date certe.

Ma alcuni dati, sempre riferiti da Pantini sono allarmanti per il nostro export. “Su Google –riporta l’agenzia Ansa – l’interesse per le ricerche che incrociano le parole ''calories'' e ''wine'' vedono gli Stati Uniti (100) al primo posto, seguiti dal Regno Unito (66), Canada (63), Australia (50) e Francia (25); tutti mercati di forte interesse il made in Italy”.

07 Dicembre 2015
Articoli Correlati