Loading...
Aggiornato al: 22 Giugno 2018 17:30
Notizia del Giorno
Bennet Samsung Pay e Carrefour Pay potenziano i pagamenti digitali con Android

Gdo in prima linea nell’offerta di sistemi di pagamento digitali sempre più semplici ed evoluti e basati su Android, per compensare Apple Pay. In tutti i punti vendita Bennet è arrivato, ieri, 22 marzo, Samsung Pay, servizio che permette ai clienti di usare il proprio smartphone Samsung per pagare alle casse in modo sicuro attraverso un’App dedicata. Il wallet è attivo anche presso Cisalfa Sport, Esselunga, Ikea, Leroy Merlin, Moleskine, Penny Market, Prenatal e Yoox.

"Con la partnership fra Bennet e Samsung affianchiamo due brand importanti - commenta Simone Pescatore, direttore marketing e comunicazione di Bennet - e in particolare presentiamo un servizio davvero innovativo che offre la possibilità di salvare i dati della carta Bennet Club, rendendo il momento del pagamento ancora più veloce".

Usare Samsung Pay è semplice: bisogna accedere all'app e registrarsi al servizio con il Samsung Account, selezionare "aggiungi carta" per registrare la propria carta di credito, inquadrarla con lo smartphone e seguire le istruzioni. Occorre poi scegliere la carta desiderata, identificarsi e avvicinare lo smartphone al terminale di pagamento.

Parallelamente Carrefour, che già dal 2016 accetta Apple Pay, ha annunciato in Francia il varo del sistema proprietario, Carrefour Pay: attivo per i sistemi Android è accessibile in 3000 punti vendita.

Disponible per i detentori di carte Pass Mastercard e C-Zam Mastercard, il servizio verrà esteso, nel 2018, all’insieme delle altre carte bancarie e sarà utilizzabile, sempre in Francia, sui siti e-commerce del gruppo, scaricano l’app Carrefour&Moi.

In Italia, secondo l'edizione 2017-2018 dell'Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano il pagamento presso i punti vendita attraverso cellulare (mobile proximity payment) registra oltre 70 milioni di transato, in netta crescita rispetto ai 10 milioni scarsi del 2016. Si stima che siano circa 500.000 gli utenti attivi e nel 2020 questo modalità di pagamento potrebbe valere dai 3,2 ai 6,5 miliardi di euro.

A tirare la volata sono Apple Pay e Satispay, disponibile anche per iPhone: la società creata da Alberto Dalmasso copre oggi, con più di 35 milioni di euro, il 50% del valore totale delle transazioni eseguite nei negozi.

23 Marzo 2018
Articoli Correlati