Il primo quotidiano sulla GDO

Aggiornato al 04 Luglio 2020 - ore 10:00

CIOCCOLATO

Icam, un bilancio dolcissimo grazie a biologico e Mdd

Il gruppo comasco punta con decisione sui canali e sui prodotti a più alto gradimento. Non solo bio e private label, ma anche il premium brand Vanini e i mercati esteri, primo fattore di crescita.


San Valentino: due cuori e una carta di credito

La tradizione di San Valentino resiste. A celebrarlo sarà il 24% degli italiani a conferma dell’appeal della ricorrenza, la quinta più sentita dai nostri concittadini dopo Natale, Pasqua, Ferragosto ed Epifania. Complessivamente, tra cioccolatini, fiori e cene, gli italiani spenderanno circa 100 milioni di euro.


Stefano Dozio: "Italia Zuccheri non vuole un prodotto qualsiasi"

Il gruppo Coprob-Italia Zuccheri sposta l'asticella della propria offerta ben oltre la commodity alimentare: italianità garantita, nuove formulazioni di prodotto, biologico e tanto altro. Se il cliente azienda, Gdo compresa, è fondamentale, il mass market è decisivo per costruire la giusta immagine.


Ferrero: scontro finale con Hershey per le barrette Nestlé

La multinazionale italiana fattura 10,5 miliardi di euro ed è molto lanciata nella propria 'sfida americana'. Il concorrente invece, con un giro d'affari di 'soli' 7,5 miliardi dollari - 6,3 miliardi di euro - è reduce dall'acquisto, a metà dicembre, del produttore di snack salati Amplify, pagato 1,6 miliardi di dollar...


Fairtrade, il vero driver di sviluppo è la marca del distributore

Paolo Pastore, direttore di Fairtrade Italia, spiega perché l'equo e solidale registra successi crescenti, tanto che le catene non vogliono più solo qualche prodotto ma vere linee e forti progetti di settore. Il comparto è decollato grazie alle private label. Vediamo perché.


Coop Svizzera inaugura a Pratteln l'imponente fabbrica delle private label

Joos Sutter, presidente della direzione generale: “In 3 anni abbiamo investito 380 milioni di franchi, pari a 327 milioni di euro. Nel magazzino verticale, con 40.796 posti pallet, vengono gestiti e inviati ai negozi oltre 8.000 articoli diversi".


Barry Callebaut rileva D'Orsogna dolciaria

Il gruppo elvetico, leader nei prodotti a base di cioccolato e cacao destinato al B2B potenzia la propria presenza nel mondo delle decorazioni e inclusioni dolciarie con l'acquisto dell'azienda di San Vito chietino.


Nielsen prevede un buon Natale

Buono quanto un miliardo di vendite in più, solo contando il canale Gdo e buono soprattutto perché sarà accompagnato da cibi scelti con cura. Secondo la ricerca condotta per Lidl, infatti, gli italiani conservano un concetto classico della festa, da passare in famiglia, intorno alla tavola e con tanti ospiti. Sarà però...


Fida si mangia le caramelle Rossana

L'azienda astigiana, già re del settore, si aggiudica sei marchi dalla multinazionale Nestlé.


Nestlé potenzia i Baci, ma dismette Rossana

Un piano da 60 milioni di euro permetterà un ulteriore rafforzamento di Perugina oltre confine. E' previsto anche il potenziamento del polo produttivo di San Sisto.


Cioccolato: crollano le praline, galoppano tavolette e fondente

Secondo i dati Iri nell’anno terminante a maggio 2015 le Praline hanno perso ben 7 punti percentuali a volume e 4.6 a valore. Positivo, invece, l’andamento delle tavolette che segnano +0,3% a volume e +3,5%.