Loading...
Aggiornato al: 22 Agosto 2019 16:00
Spot News
Olio Dante punta all’export

“Entra nella fase operativa il nostro progetto di rafforzamento internazionale del marchio Olio Dante - spiega Biagio Mataluni, Presidente degli Oleifici Mataluni-Olio Dante SpA - che in Italia detiene una quota di mercato del 20% ma che all'estero, pur essendo un’etichetta storicamente molto nota, è ancora poco distribuita. Gli obiettivi sono fare promozione e comunicazione per valorizzare la qualità del nostro olio 100% italiano. Siamo già presenti in 2500 supermercati Wal Mart negli Usa ma ora dobbiamo far sì che il consumatore si focalizzi sul nostro brand”.

 

Olio Dante, che porta l’effige di uno dei simboli dell’italianità, è dunque ai nastri di partenza per una fase in cui si punta principalmente al potenziamento dell’export. Nel 2009 il Gruppo Mataluni ha rilevato l’etichetta dalla spagnola Sos-Cuetara, riportando dopo 24 anni in Italia il famoso marchio. Il Gruppo Mataluni oggi rappresenta uno tra i più rilevanti complessi agroindustriali oleari al mondo. L’azienda è proprietaria delle più importanti etichette storiche italiane - tra cui, oltre a Olio DANTE, OLITA, TOPAZIO, OIO, GICO, MINERVA, LUPI e VERO - ed è specializzata nella produzione di oli in private label per aziende leader della GDO italiana ed estera.

 

Lo scorso 25 settembre, presso la sede del Mipaaf a Roma, alla presenza del Ministro Maurizio Martina, è stato sancito ufficialmente l’accordo tra Isa (Istituto per lo sviluppo dell'agroalimentare) e Olio Dante SpA. La società finanziaria del Mipaaf è entrata nel capitale dell’azienda di Montesarchio (BN) al 20%, con un investimento in equity di 15 milioni di euro a condizioni di mercato, a cui si aggiungono altri 15 milioni versati dal Gruppo Mataluni. Si tratta di una forma innovativa di investimento, che non si configura come aiuto pubblico ma come un intervento mirato allo sviluppo delle vendite di olio extra vergine di oliva del Sistema Italia, sia sul mercato interno che all'estero.

 

“Isa e il Mipaaf - conclude il presidente Mataluni - hanno creduto nel nostro progetto, presentato con l’advisoring finanziario della FIVESIXTY di Milano, leggendo con attenzione le peculiarità della Olio Dante SpA, il cui potenziamento avrà sicuramente riflessi positivi anche sul tessuto produttivo nazionale. Un lavoro di squadra, dunque, a cui siamo chiamati per far crescere insieme l’agroalimentare Made in Italy”.

 

http://www.oleificimataluni.com/oliodante/

20 Ottobre 2014