Loading...
Aggiornato al: 17 Dicembre 2018 00:00
Spot News
Il buon latte dalla Baviera alle tavole degli italiani

Sono tante le specialità lattiero casearie bavaresi che stanno conquistando il mercato italiano. Prodotti unici, nati da un latte di qualità, sapore ed eticità superiore, frutto della natura incontaminata e degli immensi pascoli della Baviera dove le mucche pascolano nutrendosi di erba fresca e beneficiando della salubrità di un territorio in cui l’agricoltura sostenibile è una cultura profonda.

Ma i temi della qualità, della sostenibilità e della meticolosità non riguardano solo una materia prima certificata e garantita, si spingono anche alle lavorazioni operate da aziende che si occupano della realizzazione di prodotti finiti sotto stretti controlli igienico-sanitari, impiegando processi produttivi all’avanguardia e tecnologie innovative, di ultima generazione.

Questi presupposti sono i segreti della bontà di prodotti unici che incarnano la sintesi perfetta tra passato e futuro, dove il saper fare viene tramandato di generazione in generazione, appreso in scuole specializzate e applicato in industrie evolute.

Per la promozione dei prodotti lattiero caseari bavaresi in Italia è in corso un'ampia campagna di comunicazione e di pubbliche relazioni su media specializzati, consumer e canali social. Finanziata dal milch.bayern e.V., l’associazione delle latterie e dei caseifici della Baviera, e organizzata da alp Bayern, l'agenzia per i prodotti alimentari bavaresi, organo indipendente del Ministero dell'Alimentazione, dell'Agricoltura e delle Foreste bavarese, ambasciatrice della genuinità e della bontà dei prodotti bavaresi nel mondo. L’obiettivo di queste attività è quello di riuscire a trasmettere ai consumatori italiani le caratteristiche uniche del latte, dei latticini e dei formaggi di questa terra unica.

I vantaggi previsti sono molti: sviluppare rapporti commerciali con partner affidabili e corretti, perfetti per intraprendere rapporti commerciali di lungo corso con le varie realtà della distribuzione italiana, dalla GDO alla distribuzione tradizionale, fino al canale Horeca; ma anche stimolare l’interesse nel consumatore, favorire l’aumento della richiesta e della creazione di un legame emotivo tra cliente e prodotto.

08 Ottobre 2018
Articoli Correlati