Loading...
Aggiornato al: 13 Dicembre 2018 15:00
Spot News
Hai già realizzato il tuo progetto di Category EcoBio Cosmesi? Con OMIA prepari un assortimento efficace ed efficiente

Offriamo la consulenza della marca campione di categoria per realizzare un reparto ecobio cosmesi fatto con il giusto numero di referenze delle marche rilevanti per i vari segmenti del mercato.

Ormai 10 anni fa OMIA ha portato l’EcoBio in grande distribuzione con cosmetici naturali e certificati ad un prezzo equo. Il fatturato in sell in, pari a 17,5 milioni di euro, è stato sviluppato con circa 60 referenze del continuativo su una distribuzione ponderata Italia di poco superiore al 40%.

Nonostante i limiti distributivi, OMIA è la marca eco bio più amata e venduta in Italia, con una quota di mercato sull’ecobio pari a circa il 40% a valore.

La leadership nei numeri del mercato è frutto di una leadership nella ricerca e sviluppo di settore che ha visto di anno in anno l’ingresso del marchio in nuovi mercati, conseguendo in tutti vendite rilevanti e grande favore da parte del consumatore.

L’EcoBio cosmesi non è un fenomeno di nicchia, l’interesse per i cosmetici naturali, cosi come quello per il bio e per il salutistico in generale, è trasversale in tutta Italia e a tutti i profili di consumatore. La crescita del sell out di omia si accompagna a una crescita generalizzata della domanda di cosmetici EcoBio. Presidiare questo mercato in maniera efficacie può essere un fattore di distintività e attrattività del tuo reparto profumeria.

Per il 2019 OMIA ti propone di fare insieme il tuo reparto di eco bio cosmesi. Il progetto di Category Management, in un’ottica “consumer responsive”, mira ad aumentare il valore e la soddisfazione del cliente e, parallelamente, incrementare le performance aziendali e l’esperienza di acquisto in generale.

Gianluca Angioletti, AD di Omia EcoBio Cosmetics: “La GDO sta evidenziando alcuni limiti nell’elaborare proposte di eco bio cosmesi credibili. La difficoltà maggiore che riscontriamo è riferibile alla capacità dei category e degli altri decisori di acquisto ad intercettare le giuste esigenze espresse dalla domanda: il consumatore ha le idee chiare sulle caratteristiche e gli ingredienti che vuole o che non vuole nei prodotti ed il retailer ha difficoltà ad individuarle e selezionarle nelle proposte commerciali che riceve dall’industria. Il nostro progetto di Category EcoBio è incentrato proprio sull’analisi del consumatore e sulle sue esigenze per creare un circolo virtuoso in grado di assicurare un buon livello di customer retention che si traduca in vantaggio competitivo sostenibile e in un fattore di crescita e profitto per tutta la filiera”.

Si tratta di avviare una stretta collaborazione tra l’azienda e il partner distributivo che lavorano insieme in modo paritetico, integrando i rispettivi know-how e condividendo scopi e benefici. L’obiettivo è gestire le categorie merceologiche come SBU (unità strategiche di business) per aumentare il fatturato e l'utile attraverso una maggiore soddisfazione dei consumatori.

Questo tipo di analisi si traduce in modalità innovative di aggregazione dei prodotti che definiscono le categorie non sulle logiche dell’offerta, ma su quelle della domanda.

Vogliamo definire all’interno del punto vendita una proposta altamente aderente ai desiderata del consumatore, così da aumentare il valore trasferito, incrementare la fedeltà al punto vendita.

L’attuazione del Progetto Category EcoBio inizia con l'analisi degli spazi disponibili, prosegue la selezione dei prodotti in base alle incidenze delle varie categorie sulle vendite della struttura, termina con la definizione di un assortimento eco bio cosmesi fatto di prodotti vincenti in un display chiaro, che parla la lingua del consumatore.

Il passo successivo consiste nella predisposizione di attività promozionali mirate a diffondere la proposta cosi riorganizzata.

Siamo convinti che un utilizzo prolungato di cosmetici EcoBio sia in grado di migliorare lo stato di salute generale di pelle e capelli.

Con il progetto di Category EcoBio, Omia intende rendere accessibile a una domanda già espressa il nuovo modo di prendersi cura di sé.

26 Novembre 2018
Articoli Correlati