Loading...
Aggiornato al: 22 Luglio 2019 17:30
Sostenibilità
Gruppo Crai sostiene l’operazione benefica “Doniamo un sorriso”

"Dona 1 euro in aggiunta alla tua spesa" recita la comunicazione del progetto charity del Gruppo Crai per la raccolta fondi a favore della Fondazione Dottor Sorriso, la cui missione è aiutare i bambini a vivere in maniera più serena il ricovero ospedaliero. La Fondazione nasce nel 1995 portando la clownterapia in Italia, con la missione fondamentale di rasserenare la degenza dei pazienti più piccoli in ospedale.

Dal 25 febbraio al 10 marzo 2019 in oltre 2.000 negozi del Gruppo, diffusi in ogni provincia italiana, sarà possibile donare 1 euro in aggiunta alla spesa quotidiana per aiutare i più piccoli a non sentirsi in ospedale. Tutti i clienti che aderiranno riceveranno in omaggio il naso rosso dei clown-dottori professionisti delle Fondazione Dottor Sorriso. Il naso rosso potrà essere utilizzato per scattarsi un selfie da condividere su Instagram e Facebook utilizzando l'hashtag dedicato #chihacuorehanaso, in modo da contribuire a diffondere l'operazione di charity "Doniamo un Sorriso".

Crai attiverà il progetto in tutte le insegne, coinvolgendo sia il canale food e sia il canale drugstore. L’iniziativa sarà quindi attiva nei punti vendita: Crai, Caddy's, IperSoap, Pellicano, Pilato, Proshop, Shuki, Saponi & Profumi e Risparmio Casa. L'attività sarà inoltre supportata da una campagna di comunicazione integrata su tutti i media del Gruppo: radio in-store, sito e social network e su quotidiani sportivi, di attualità e stampa specializzata.

«Siamo davvero orgogliosi di questo progetto che nobilita ancora di più l'operato della Fondazione Dottor Sorriso. - dichiara Marco Bordoli, amministratore delegato di Crai - Siamo un Gruppo fatto di persone molto sensibili alle tematiche sociali e per questo molto attivi a livello nazionale e locale, e questa operazione è sicuramente una bellissima storia da raccontare e da sostenere. Il valore della prossimità dei nostri negozi, food e drug, grazie ai tanti clienti che ci scelgono, contribuirà ad aiutare i bambini a non sentirsi in ospedale».

26 Febbraio 2019
Articoli Correlati