Loading...
Aggiornato al: 15 Agosto 2018 18:27
Notizia del Giorno
Tuttofood: l'innovazione di prodotto sotto la lente del convegno di DM

‘L’innovazione di prodotto quale driver di sviluppo sui mercati esteri’: questo il tema del convegno che Distribuzione Moderna organizza oggi, 9 maggio, presso Tuttofood. L’appuntamente è alle 14,30 presso il Padiglione 5, Sala Gamma, 2° piano.

A portare le proprie testimonianze sono Nicola Ferrajolo, innovation business partner director di Nielsen Italia, Gonzague de Carrère, responsabile prodotti a marchio Carrefour e responsabile export di Terre d’Italia, Luca Fontana, direttore vendite di Bergader e Chiara Ercole, vice presidente di Saclà.

L’innovazione di prodotto è un terreno molto complesso. Se da un lato è sicuramente una leva fondamentale di successo, dall’altro è una bella scommessa per le imprese.

Come spiega l’analisi annuale di Nielsen, ‘Breakthrough innovation’, nel 2015, in Europa, sono stati lanciati 35.585 nuovi prodotti, il 9% in più rispetto al 2014. Mediamente ogni novità ha generato un fatturato di 160.000 euro nei primi 12 mesi. Ma sussiste un forte gap fra i lanci di successo e i rimanenti, con il 20% delle novità che polarizza l'80% delle vendite.

Se esiste un segreto per progettare un bene di successo, questo è rappresentato dalla capacità di soddisfare i bisogni espressi dai consumatori. Ma lo sviluppo dell'idea di un prodotto ricercato e gradito è solo la prima metà del lavoro. La seconda parte consiste nell'implementazione del processo di vendita, che comprende packaging, prezzo, azioni nei negozi, comunicazione.

Sempre dai dati Nielsen risulta, per esempio, che l'ottimizzazione del profilo del packaging genera in media un incremento del 5,5% rispetto a beni che hanno confezioni poco attuali.

La confezione 'perfetta' deve rompere gli schemi, attrarre, comunicare il valore della nuova offerta, così che il consumatore possa immediatamente afferrare il concept del prodotto.

Quando poi l’innovazione viene proposta ai consumatori stranieri il processo di lancio deve essere preceduto da un’attenta analisi dei gusti locali e del tessuto distributivo della nazione target, dallo studio dei mezzi di comunicazione Paese di destinazione, dall’esame del tessuto competitivo nel quale ci si andrà a inserire.

Per registrarti clicca qui

Per saperne di più scarica il rapporto Nielsen

09 Maggio 2017
Articoli Correlati