Loading...
Aggiornato al: 14 Agosto 2018 16:00
Notizia del Giorno
Migliora il tasso di default, ma il commercio rimane indietro

Migliora la rischiosità delle imprese non finanziarie italiane, confermando, seppure con minore intensità, la tendenza che ha caratterizzato l’ultimo triennio. A dicembre 2017, il tasso di default (ossia l’evidenza di ritardi di più di 90 giorni nei pagamenti su linee di credito detenute presso il sistema finanziario, o di altri eventi pubblici di default), calcolato da Crif Ratings, si è attestato al 3,9%, in lieve riduzione rispetto al 4% di giugno 2017.

Il calo è più evidente se raffrontato al 4,7% di dicembre 2016, dato a sua volta già in netto progresso rispetto al 5,8% di fine 2015.

È quanto si legge in “Economic and Credit Outlook 2018-19”, che ha analizzato sia i ritardi sui pagamenti e sui rimborsi bancari, sia le procedure di insolvenza e pregiudizievoli delle imprese non finanziarie italiane, suddivise in 13 raggruppamenti settoriali, come agricoltura e alimentare, bevande e tabacco, chimica e farmaceutica, commercio, trasporti e logistica.

Crif Ratings considera che nei prossimi 24 mesi il tasso di default si assesterà a un livello compreso fra il 3 e il 3,5 per cento, dunque con un ulteriore abbassamento.

L’analisi a livello settoriale evidenzia come la riduzione dei tassi default abbia trasversalmente coinvolto l’intera struttura produttiva nazionale, in maniera più o meno intensa.

Fra i comparti che registrano una rischiosità finanziaria lievemente maggiore della media ci sono però anche l’agricoltura (4,0%), l’alimentare, le bevande e tabacco (4,1%) e il commercio (4,2%).

Spiega Davide Tommaso, associate del dipartimento Corporate di Crif Ratings. “L’assestamento dei tassi di default al di sotto dei livelli pre-crisi va letto alla luce di un sistema produttivo più solido, supportato da un’accelerazione dell’economia mondiale e dal miglioramento di quella italiana. Inoltre, un contribuito importante alla riduzione del profilo di rischio viene da quotazioni del petrolio che restano tutto sommato contenute e dal regime di tassi di interesse bassi che garantiranno, anche per il prossimo biennio, un costante flusso di liquidità a supporto delle esigenze finanziarie delle aziende”.

31 Luglio 2018
Articoli Correlati