Loading...
Aggiornato al: 22 Maggio 2015 12:00
Notizia del Giorno
Caccia grossa alle promozioni
La crisi cambia la abitudini al supermercato: gli italiani fanno economia e così nei primi quattro mesi del 2012 sono cresciuti del 73% gli acquisti di offerte speciali. Dagli alimenti alle bevande, passando per i prodotti per la casa e l'abbigliamento, gli sconti fanno gola a tutti e sono la risposta fai-da-te delle famiglie alla recessione. Questo il risultato di un rapporto-flash del Centro studi Unimpresa (piccole e piccolissime imprese nazionali), che ha condotto un'analisi a campione tra i commercianti associati.

La ricerca di Unimpresa, in via di pubblicazione, mette in luce che nel carrello della spesa degli italiani finisco con sempre maggiore frequenza rispetto al passato prodotti offerti sugli scaffali con sconti, specie quelli con ribassi dei prezzi superiori al 20-30% sul listino ufficiale. Non solo. Il dato più rilevante è che l'attenzione alle offerte speciali porta i consumatori a fare "incetta" di beni a basso costo: i cittadini sono diventati veri e propri esperti dei volantini, puntano le promozioni e nelle buste della spesa finisce solo quanto è in offerta, mentre restano sugli scaffali dei supermercati e dei piccoli negozi su strada tutti gli altri prodotti.

Tutto ciò con inevitabili conseguenza negative sui ricavi degli esercenti: secondo prime stime l'impatto sui conti potrebbe arrivare ad avere un'incidenza del 35-40%. Elemento che aggraverebbe un quadro già profondamente depresso: del resto, nel 2011 i consumi sono scesi oltre 4 punti percentuali sotto il livello del 2000. E per quest'anno è previsto un ulteriore decremento che porterebbe l'indicatore dei consumi al -10% in 5 anni.

Per il segretario generale di Unimpresa, Sergio Battaglia, "i dati della ricerca dimostrano ancora una volta che le famiglie sono sempre più in difficoltà: arrivare alla fine del mese, con gli stipendi fermi da anni, è sempre più difficile. Bisogna poi tener   conto dei problemi finanziari di chi ha perso il posto di lavoro e che fatica a rientrare nel circuito dell'occupazione, senza dimenticare i giovani per i quali la prospettiva di un impiego fisso è ormai un miraggio". C'è poi l'altro aspetto da tenere in considerazione: "La forte contrazione dei consumi da parte delle famiglie sta mettendo nei guai i commercianti" dice Battaglia. "Il volume d'affari e le entrate in generale si stanno assottigliando sempre di più e in assenza di una svolta, il Paese corre il rischio di entrare in una pericolosa spirale negativa. Con l'inizio del quinto anno di crisi, è evidente che il fattore durata inizia a incidere più degli stessi numeri negativi''.
11 Maggio 2012
Articoli Correlati
Nielsen: un'evoluzione "naturale" per il food
Dal palco de Linkontro, Giovanni Fantasia, ad Nielsen, ha illustrato i risultati della “Nielsen global survey on health wellness and nutrition”, condotta su un campione di 30.000 individui in 60 Paesi, tra i quali l'Italia. I gusti e le preferenze sono tutti orientati alla ricerca del benessere anche attraverso il cibo. Ma Il passaggio al nuovo tipo di alimentazione non può considerarsi scontato, sia dal punto di vista dell'offerta che da quello della domanda.
Lidl parla "Italiamo"
Il brand "Italiamo", 50 milioni di fatturato, verrà distribuito - dal 25 al 31 maggio - in contemporanea in tutti i 10.000 punti vendita Lidl in 26 Paesi europei durante la prima delle 3 settiimane promozionali dedicate ai prodotti del Bel Paese. Quest’anno sono circa 300 i prodotti esportati negli oltre 10.000 punti vendita Lidl in Europa, mentre nel 2014 le referenze erano 195: un aumento del 54%, pari a un valore economico di 150 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto al 2014.
Linkontro Nielsen ai nastri di partenza
Come ogni anno torna da domani, 21 maggio, Linkontro, il tradizionale appuntamento di Nielsen, dedicato al mondo della distribuzione, dell’industria di marca, della comunicazione e dei servizi che da oltre 30 anni riunisce le aziende e i protagonisti del largo consumo. Il tema è questa volta, “Energia d’Impresa”.
Aldi Sud prepara lo sbarco in Italia tramite la controllata austriaca Hofer
Dopo anni di rumor e, in marzo, le anticipazioni della Lebensmittel Zeitung, il colosso tedesco, ottavo retailer mondiale, ha ammesso i propri interesssi per l'Italia. A guidare le operazioni sarà la consociata austriaca Hofer. L'annuncio è coerente con i recenti e forti investimenti di Lidl Italia e di Gruppo Lillo. Inoltre il canale, sebbene presidiato dai leader, è ancora molto polverizzato.
Coop Italia entra a Hong Kong tramite i super Park and Shop
Dal prossimo giugno verranno distribuiti nel Paese una vasta gamma di prodotti a marchio Coop. In particolare arriveranno sul mercato locale circa 700 prodotti italiani attraverso la rete degli oltre 260 super e pdv Park and Shop. L'alleato è un vero leader locale, con un fatturato di circa 3 miliardi di dollari, migliaia di private label, e ben 8 concept, cui corrispondono altrettante insegne.
Ece, il colosso tedesco dei centri commerciali, raddoppia a Verona
Ece, che gestisce 196 centri in 16 Paesi per 22 miliardi di fatturato annuo, dopo avere conquistato, nel 2011, il centro Megalò di Chieti, rileva da Cds Holding di Erbusco (Bs), il progetto "Adige City-Verona Mall". Le cifre in gioco sono imporanti: 42.000 mq, 130 negozi, 2.500 posti auto, un ipermercato Interspar e un bacino di utenza di poco inferiore alle 600.000 persone, compresa l'intera popolazione del capolugo scaligero.
Ahold e Delhaize: preliminare di fusione
Il gruppo olandese e quello belga, aderente insieme a Coop Italia e a Leclerc alla centrale Coopernic, hanno confermato i rumors diffusi dalla stampa internazionale. Ogni decisione è rinviata ai rispettivi consigli di amministrazione, ma le cifre dell'operazione sono imponenti: 54,2 miliardi di fatturato, ripartiti in maniera quasi equa fra Stati Uniti ed Europa.