Loading...
Aggiornato al: 06 Luglio 2015 12:30
Notizia del Giorno
Caccia grossa alle promozioni
La crisi cambia la abitudini al supermercato: gli italiani fanno economia e così nei primi quattro mesi del 2012 sono cresciuti del 73% gli acquisti di offerte speciali. Dagli alimenti alle bevande, passando per i prodotti per la casa e l'abbigliamento, gli sconti fanno gola a tutti e sono la risposta fai-da-te delle famiglie alla recessione. Questo il risultato di un rapporto-flash del Centro studi Unimpresa (piccole e piccolissime imprese nazionali), che ha condotto un'analisi a campione tra i commercianti associati.

La ricerca di Unimpresa, in via di pubblicazione, mette in luce che nel carrello della spesa degli italiani finisco con sempre maggiore frequenza rispetto al passato prodotti offerti sugli scaffali con sconti, specie quelli con ribassi dei prezzi superiori al 20-30% sul listino ufficiale. Non solo. Il dato più rilevante è che l'attenzione alle offerte speciali porta i consumatori a fare "incetta" di beni a basso costo: i cittadini sono diventati veri e propri esperti dei volantini, puntano le promozioni e nelle buste della spesa finisce solo quanto è in offerta, mentre restano sugli scaffali dei supermercati e dei piccoli negozi su strada tutti gli altri prodotti.

Tutto ciò con inevitabili conseguenza negative sui ricavi degli esercenti: secondo prime stime l'impatto sui conti potrebbe arrivare ad avere un'incidenza del 35-40%. Elemento che aggraverebbe un quadro già profondamente depresso: del resto, nel 2011 i consumi sono scesi oltre 4 punti percentuali sotto il livello del 2000. E per quest'anno è previsto un ulteriore decremento che porterebbe l'indicatore dei consumi al -10% in 5 anni.

Per il segretario generale di Unimpresa, Sergio Battaglia, "i dati della ricerca dimostrano ancora una volta che le famiglie sono sempre più in difficoltà: arrivare alla fine del mese, con gli stipendi fermi da anni, è sempre più difficile. Bisogna poi tener   conto dei problemi finanziari di chi ha perso il posto di lavoro e che fatica a rientrare nel circuito dell'occupazione, senza dimenticare i giovani per i quali la prospettiva di un impiego fisso è ormai un miraggio". C'è poi l'altro aspetto da tenere in considerazione: "La forte contrazione dei consumi da parte delle famiglie sta mettendo nei guai i commercianti" dice Battaglia. "Il volume d'affari e le entrate in generale si stanno assottigliando sempre di più e in assenza di una svolta, il Paese corre il rischio di entrare in una pericolosa spirale negativa. Con l'inizio del quinto anno di crisi, è evidente che il fattore durata inizia a incidere più degli stessi numeri negativi''.
11 Maggio 2012
Articoli Correlati
Immobili commerciali: il 2014 si chiude in rialzo del 6 per cento
Inversione di tendenza per le compravendite di negozi e centri commerciali: l’analisi realizzata dall’Ufficio Studi di Tecnocasa su dati Agenzia delle Entrate evidenzia, per l’intero anno 2014, 25.369, transazioni, ossia il 5,8% in più rispetto al 2013.
Fiera Milano acquista Ipack Ima
Colpo grosso dell'ente fieristico meneghino che, per 2,5 milioni di euro, si aggiudica da Centrexpo il 100 per cento di Ipack Ima Spa. La società, che fattura 16 milioni, non controlla solo la rassegna omonima, ma anche una serie di manifestazioni specializzate, come Meat Tech, Diary Tech e altre.
Coop conferma la leadership
Marco Pedroni: "“Continuiamo a svolgere la funzione di presidio di convenienza e qualità per i soci e consumatori del nostro Paese, benché i timidi segnali di ripresa dei consumi si siano indirizzati più verso i beni durevoli e i servizi che verso l’alimentare. E questa tendenza non può che generare preoccupazione".
Mapic sbarca a Milano a maggio 2016
Il primo Mapic Italy si svolgerà a Milano con cadenza annuale – la sede precisa non è stata resa nota - e sarà, almeno in prima battuta, una rassegna di 1 giorno e mezzo, equamente divisa fra convegni, dibattiti e occasioni di affari, come indica il sottotitolo, “Dealmaking area with conferences”.
GS1 Italy | Indicod-Ecr: il non food rallenta la caduta
Tredicesima edizione per l’Osservatorio Non Food di GS1 Italy | Indicod-Ecr, lo studio realizzato in collaborazione con TradeLab che dal 2002 monitora in modo sistematico il settore dei beni non alimentari. Si nota una frenata della flessione.
Coop Consumatori Nord Est, Estense e Adriatica: la fusione entra nel vivo
Con la ratifica da parte dei Cda, la supercoop, passa alla fase due. La formalizzazione è attesa il 3 ottobre, quando si riuniranno, in contemporanea, le tre assemblee generali del colosso da 5 miliardi di fatturato.
Come sarebbe l'Italia senza Coca-Cola?
La multinazionale ha affidato a Sda Bocconi School of Management uno studio che analizza il proprio impatto economico e occupazionale nella nostra Penisola durante il 2014. La ricerca mette in evidenza come, nell’ipotetico scenario in cui venisse meno la presenza di Coca-Cola nella Penisola, l’economia nazionale andrebbe incontro a una perdita di risorse pari a 481 milioni di euro e a un aumento del tasso di disoccupazione dello 0,29 per cento.