Loading...
Aggiornato al: 15 Ottobre 2018 17:30
Intervista
Despar Italia: private label a tutta forza verso Marca 2018

Despar Italia è un consorzio che riunisce sotto il marchio Despar grossisti e dettaglianti indipendenti. I soci sono 6: Aspiag Service di Mestrino (Pd), Maiora di Corato (Ba), Ergon di Ragusa, Fiorino di Messina, L’Alco di Rovato (Bs), Scs di Selargius (Ca). I retail format si dividono in 3 tipologie: Despar, per il supermercato locale o il negozio di vicinato, Eurospar per i grandi supermercati e Interspar, per i superstore e i mini iper.
Nata nel 1960, Despar Italia occupa una posizione di grande rilievo all’interno della rete Spar, costituita da 33 Paesi nel mondo.
Il fatturato 2016, secondo l’ultimo ‘Annual Report’ ha raggiunto 3.282 milioni in crescita del 2% ottenuti con una rete di 1.159 negozi (432 diretti) e una superficie totale di 728.519 metri quadrati. A parlarci del gruppo è
Lucio Fochesato, che, da febbraio 2016, è direttore generale di Despar Italia.

Cosa possiamo dire del 2017?

Il 2017 per Despar Italia è stato un anno di crescita, con importanti avanzate in Emilia Romagna e in Abruzzo. Abbiamo realizzato forti sviluppi delle nostre marche private e prevediamo di chiudere l’anno con un aumento del fatturato MDD del 16 per cento.

Quale importanza ha Despar Italia nel mondo Spar?

Despar Italia è la quarta del mondo Spar e presidia uno dei Paesi leader nello sviluppo dei marchi del distributore. I prodotti Despar sono riconosciuti come eccellenze italiane e vengono apprezzati e acquistati dalle altre nazioni del gruppo.

Continuiamo con le vostre private label. Nel 2016 avete lanciato ben 225 novità e condotto 143 restyling. Cosa possiamo anticipare sul 2017? Quali criteri comuni hanno seguito i nuovi lanci?

Abbiamo concluso il 2017 con il lancio di 293 nuovi prodotti, tra i quali posso citare il progetto sulla carne bovina ‘Passo dopo Passo’ e 242 restyling. Lo sviluppo dei nostri prodotti a marchio è orientato a offrire un assortimento qualificato ai nostri clienti, in linea con le richieste del mercato. Per questo ci siamo focalizzati sul segmento premium e le eccellenze regionali, con particolare attenzione agli ingredienti, per soddisfare la crescente attenzione dei nostri clienti verso la propria salute.

Quali sono i valori che unificano i soci del mondo Despar?

I nostri valori condivisi sono la vicinanza al territorio, il servizio al cliente e la collaborazione tra i soci. Queste sono le diretttive che ci hanno caratterizzato da sempre e che condividiamo con Spar fin dalla creazione del consorzio, nel 1960.

Dei vostri 3 canali, Depar, Eurospar, Interspar, qual è il più dinamico e quali sono le vostre strategie future?

Tutti i canali sono importanti per il nostro consorzio, in quanto vanno a soddisfare esigenze diverse in termini di assortimento, servizio e praticità per il cliente. Despar è il nostro format di prossimità, l’insegna Eurospar identifica il supermercato di quartiere, gli Interspar offrono un maggiore servizio. Ogni insegna è uno strumento specifico con uno scopo strategico definito. Pertanto continueremo a sviluppare punti vendita per ciascuna tipologia a seconda degli obiettivi che abbiamo in ciascuna piazza. Negli ultimi 2 anni abbiamo avuto importanti aperture di Eurospar e Interspar che ci hanno garantito visibilità anche in nuove piazze.

Despar Italia e il digitale. C’è una strategia comune fra i soci e/o come procedono su questo versante i vari aderenti al consorzio?

Al momento utilizziamo gli strumenti digitali soprattutto per comunicare in modo diretto con i nostri clienti ed essere trasparenti sulle attività delle nostre aziende. Ma presto avremo novità anche sul fronte dell’e-commerce.

Ci sono politiche condivise a livello di cedi e logistica?

Per quanto riguarda la logistica, ogni cedi segue le proprie attività in maniera indipendente. Abbiamo un gruppo di lavoro che opera per condividere le best practice all’interno del consorzio.

Il vostro magazine, Di Vita, ha per voi una grande importanza. Qual è secondo lei il suo ruolo strategico?

Lo scopo del magazine è di costruire un dialogo con i nostri clienti che vada oltre la nostra offerta di prodotti e che includa anche gli stili di vita sani. Con DiVita parliamo di nutrizione, delle proprietà dei vari alimenti e di benessere a 360 gradi.

08 Gennaio 2018
Articoli Correlati