Loading...
Aggiornato al: 19 Settembre 2019 16:30
Imprese
La Molisana: previsto un fatturato di 150 mln per il 2019

Un 2018 di successo quello del Pastificio La Molisana: l’incremento di vendite del 30% ha portato l’azienda al quarto posto nel segmento della pasta secca, restando co-leader nel comparto dell’integrale e leader di mercato nella categoria della semola rimacinata di grano duro (Dati Iri Gdo ap marzo 2019).

«Siamo estremamente soddisfatti degli ultimi dati e nel 2019 stimiamo di arrivare ad un fatturato di 150 milioni di euro», ha dichiarato l’ad Giuseppe Ferro (nella foto) inaugurando GPL 180, la nuova linea di essiccazione di pasta lunga.

Si tratta di una nuova macchina con una tecnologia all’avanguardia che essicca la pasta in metà tempo rispetto al processo tradizionale restituendo un prodotto di migliore qualità, più resistente in cottura, più tenace ed elastico. Il pastificio investe sempre più in tecnologia avanzata, in persone competenti e dedite al proprio lavoro e in materia prima. «Persone e cose sono fondamentali – afferma Giuseppe Ferro. – La sapienza della tradizione del pastaio si può solo consolidare con i macchinari all’avanguardia. È come nel campo delle automobili, quelle di nuova generazione, più tecnologiche sono sicuramente migliori delle precedenti».

Oggi La Molisana, che utilizza solo grano 100% italiano, punta a valorizzare il made in Italy sui mercati oltre confine: «Il 35% del fatturato viene dalla vendita dei nostri prodotti all’estero – continua l’amministratore delegato – Esportiamo in 80 paesi tra cui Canada, Giappone, Brasile, Stati Uniti, Nuova Zelanda oltre che in Europa».

La qualità del prodotto è testimoniata inoltre dai numerosi riconoscimenti che l’azienda ha ottenuto in appena un mese: Premio Leonardo Qualità Italia, Certificazione Zero Truffe e migliore semola per pizza. Il primo ha premiato il pastificio come «eccellenza di industria 100% made in Italy e marchio di pasta tra i più apprezzati al mondo». Il secondo, invece, è stato conferito da Il Salvagente, rivista interamente dedicata alla tutela dei consumatori, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento alcune confezioni di pasta secca alimentare facendole analizzare alla ricerca di residui di pesticidi e micotossine.

La linea sottoposta al test per ottenere il bollino di garanzia è stata “Le Classiche”, interamente grano 100% italiano e decorticato a pietra. A La Molisana è stata quindi assegnata la certificazione Zero Truffe avendo superato tutti i test con valori conformi alle norme. Il Salvagente ha infine esaminato un panel di farine per pizze decretando la semola rimacinata di grano duro La Molisana come la migliore sia dal punto di vista organolettico che della sicurezza alimentare.

16 Aprile 2019
Articoli Correlati