Loading...
Aggiornato al: 03 Luglio 2015 17:30
Finanza
Migros risente della crisi europea
I conti del colosso elvetico Migros rispecchiano bene le ripercussioni che la recessione del mondo occidentale hanno avuto anche nella dorata Svizzera, sulla quale sono andate a scaricarsi le distorsioni dei cambi con l’euro, che in generale perde potere di acquisto. Il cambio eur/chf viene scambiato a 1,2034: come dire che oggi un euro vale 0,8316 franchi.

Ma non è tutto: anche nei consumi interni una parte delle vendite in valore ha perso terreno per via di una politica di prezzi costantemente al ribasso, il che dimostra una certa sofferenza sul mercato locale.

Migros, costellazione che raggruppa numerosi marchi della grande e piccola distribuzione, sia generalista, sia specializzata, e comprende persino attività industriali in proprio, ristorazione, agenzie viaggi, è riuscita però, nonostante tutto, a chiudere l’anno con un fatturato in linea con quello del 2010, ossia di 24,9 miliardi di franchi (20,7 miliardi di euro). Le vendite al dettaglio sono leggermente indietreggiate (-0,7%), ma il dato, depurato dalle variazioni valutarie, in effetti si attesterebbe sul +2,1%.  In flessione l’Ebit, che ha perso 197,2 milioni di franchi. L’utile è indietreggiato di 22,6 punti percentuali, abbassandosi a 659,3 milioni di Chf (548,3 milioni di euro).

Nonostante una maggiore affluenza nei punti di vendita, la quota di mercato del colosso elvetico è indietreggiata leggermente nel food, anche se parliamo di decimi di punto (-0,6%), mentre nel non-food si è avuto un piccolo guadagno, dello 0,1. Il dato relativo all’alimentare si spiega, ancora una volta, con la forte strategia di abbattimento dei prezzi finali, che in tre anni sono calati addirittura di 8 punti. Comunque si tratta di una scelta voluta, visto che Migros ha investito su questa politica ben 1,3 miliardi di franchi.

Si osserva anche l’allineamento del gruppo con le tendenze che regolano l’offerta in tutto il resto del mondo economicamente progredito. Così i beni con valore aggiunto sociale ed ecologico sono saliti verso l’alto del 6,5% in termini di fatturato. Straordinario il successo della linea “Migros aha!”, destinata a coloro che soffrono di intolleranze e di allergie: +27,6%.

E’ continuato, nell’anno trascorso, l’impegno del gruppo sul versante del risparmio energetico, della difesa del clima e dell’ambiente, un trend coronato da due premi: Energy globe award e Prix Suisse de l’éthique.

In lieve aumento la rete dei punti di vendita, da 610 a 623, nella sola Svizzera.

Le attività collaterali, come la ristorazione, il credito, la produzione industriale, hanno dimostrato tutte buone performance. La prima ha fatto segnare un risultato generale del +0,3% e i ristoranti hanno raggiunto un totale di 189. Spunti davvero consistenti si sono avuti sul take away (+10%) e sul party service (+20%), il che dimostra la tendenza a riscoprire il pasto o la festa in casa, possibilmente semplificata da alimenti di gastronomia pronta.

Il ramo industriale ha mantenuto bene il passo, chiudendo l’anno con un giro di affari netto di 5,333 miliardi (+0,3%). Questo settore alimenta in parte la consistente offerta di private label il cui fatturato è salito del 6,5% (a 2,3 miliardi) e del 7,1% considerando soltanto i prodotti biologici.

Banque Migros, una presenza importante nel gruppo che porta l’incidenza dei mezzi propri su un eccezionale 63,6%, ha fatto segnare progressioni rilevanti soprattutto per quanto riguarda il credito ipotecario (5,9%) e il finanziamento ai privati (+28%).
10 Aprile 2012
Articoli Correlati
Alexander Dr Fleming pianifica 300 aperture
Nuove risorse finanziarie per l’insegna Alexander Dr Fleming, la rete di farmacie e parafarmacie in franchising creata da WM Capital, società quotata sul mercato AIM Italia che ha lanciato un aumento di capitale finalizzato, in massima parte, allo sviluppo rete.
Amadori pianifica 250 milioni di investimenti
Un'ottima chiusura di bilancio, la riconferma di una quota di mercato del 30%, le migliorie dello stabilimento di Cesena, danno la carica al re delle carni avicole. E così Flavio Amadori annuncia un maxi piano di filiera.
Gli irlandesi di Valeo Foods acquistano Balconi
Rilevata nel 2011 dal fondo Clessidra di Claudio Sposito, la nota industria dolciaria passa nelle mani di un gruppo poco noto nei nostri confini. Ma Valeo vuol dire più di 20 marchi di pregio: dai sughi, alla pasta, dai vini ai liquori, con un occhio di riguardo per biscotti, farine dolci, miele.
Simply: Gruppo 3 A e Etruria fanno il pieno di fatturato
I successi dei due importanti master franchisee Simply dimostrano i buoni andamenti che il supermercato continua ad avere e la vitalità dell'affiliazione come via maestra per essere imprenditori.
Gruppo Veronesi (Aia e Negroni) conferma la leadership
Gruppo Veronesi - che nel largo consumo vuol dire Aia e Negroni - si aggiudica il quarto posto nella classifica dell’agroalimentare italiano e chiude il 2014 con risultati record. Aia ha fatto registrare un rafforzamento nel proprio ruolo di leader del comparto avicolo, con aumenti nelle carni fresche, negli affettati ed elaborati e nei wurstel (Wudy).
Barilla: buona per l'Italia, buona per il Sudamerica
I principali indicatori di bilancio evidenziano risultati completamente positivi sia nel nostro Paese, sia, soprattutto, sui mercati esteri, come Russia, Usa e Brasile. Ha contribuito il lancio di nuovi prodotti. Altri se ne aggiungeranno a breve, come la nuova linea di pasta. L'ad, Claudio Colzani, guarda con interesse alle acquisizioni in America latina.
Leading Luxury Group (Limoni e La Gardenia) un anno dopo
La compagnia del fondo Orlando, che ha suggellato le nozze tra le due maggiori catene della profumeria italiana, tira le somme di un percorso molto impegnativo, ma ricco di soddisfazioni che ha portato a un posizionamento nuovo e di fascia alta, ma anche a validi risultati finanziari.