Loading...
Aggiornato al: 30 Giugno 2015 10:00
Finanza
I record di Henkel
“Per Henkel il 2011 è stato ancora una volta un anno di grande successo. Nonostante le sfide legate all’incertezza della situazione economica, siamo riusciti a raggiungere appieno i nostri ambiziosi obiettivi e in parte addirittura a superarli”, ha affermato Kasper Rorsted, presidente del comitato direttivo.

Il fatturato ha toccato 15.605 milioni di euro e dunque ha fatto segnare un incremento del 3,4% rispetto all’anno precedente. Da un punto di vista organico, e cioè depurato dagli effetti di cambio e dalle acquisizioni/cessioni, il giro di affari è lievitato del 5,9%.

A questo andamento hanno contribuito tutti i settori di attività, che hanno ulteriormente ampliato le proprie quote sui mercati più importanti. La divisione adesivi e tecnologie ha ottenuto una crescita organica dell’8,3%, con un massimo storico, pari a 7.746 milioni di euro. La cosmetica/igiene personale ha proseguito l’ottimo trend di espansione degli ultimi anni e, con un +5,4%, ha superato di gran lunga l’andamento del mercato, in larga parte recessivo. La detergenza ha ottenuto il +2,9% in un contesto competitivo leggermente in declino.

L’utile di esercizio depurato da ricavi e spese non ricorrenti e dalle spese di ristrutturazione, ha registrato un miglioramento del 9%, passando da 1.862 milioni di euro a 2.029 milioni. Il risultato operativo (EBIT), pari a 1.857 milioni di euro, supera del 7,8% il valore comparabile dell’esercizio precedente.

Nonostante il netto aumento dei prezzi sui mercati di approvvigionamento, l’utile sul fatturato depurato (margine EBIT) ha ottenuto un incremento di 0,7 punti, passando dal 12,3 al 13% e ha così raggiunto il valore atteso. L’utile sul fatturato ha toccato l’11,9, dopo l’11,4% dello stesso periodo dell’esercizio precedente.

L’utile di esercizio depurato, al netto delle quote di minoranza, è migliorato dell’11,4% rispetto all’anno precedente, passando da 1.217 milioni di euro a 1.356 milioni di euro. L’utile di esercizio ha registrato 1.283 milioni di euro dopo i 1.143 milioni ottenuti nel 2010. Al netto delle quote di minoranza, l’utile di esercizio ammonta a 1.253 milioni di euro (esercizio precedente 1.118 milioni).

Al 31 dicembre 2011, l’indebitamento netto scendeva a 1.677 milioni di euro, dato inferiore di 666 milioni di euro rispetto allo stesso valore del 2010.

A dare grandi contributi sono state soprattutto le regioni emergenti: Europa Orientale, Africa e Medio Oriente, America Latina e Asia (a esclusione del Giappone). Qui il fatturato è salito del 6,2% per un totale di 6.512 milioni di euro. Da un punto di vista organico l’incremento è stato addirittura del 10,8%.

Per l’esercizio 2012, Henkel prevede una crescita organica del giro di affari compresa fra il 3 e il 5%. L’azienda conta di proseguire il proprio andamento positivo. Anche per questo esercizio la multinazionale tedesca intende adattare ulteriormente la propria organizzazione alla situazione di mercato, in continua evoluzione, e adottare ancora la severa disciplina di controllo dei costi. Tali misure contribuiranno anche a contrastare l’effetto degli elevati apprezzamenti delle materie prime.
13 Marzo 2012
Articoli Correlati
Alexander Dr Fleming pianifica 300 aperture
Nuove risorse finanziarie per l’insegna Alexander Dr Fleming, la rete di farmacie e parafarmacie in franchising creata da WM Capital, società quotata sul mercato AIM Italia che ha lanciato un aumento di capitale finalizzato, in massima parte, allo sviluppo rete.
Amadori pianifica 250 milioni di investimenti
Un'ottima chiusura di bilancio, la riconferma di una quota di mercato del 30%, le migliorie dello stabilimento di Cesena, danno la carica al re delle carni avicole. E così Flavio Amadori annuncia un maxi piano di filiera.
Gli irlandesi di Valeo Foods acquistano Balconi
Rilevata nel 2011 dal fondo Clessidra di Claudio Sposito, la nota industria dolciaria passa nelle mani di un gruppo poco noto nei nostri confini. Ma Valeo vuol dire più di 20 marchi di pregio: dai sughi, alla pasta, dai vini ai liquori, con un occhio di riguardo per biscotti, farine dolci, miele.
Simply: Gruppo 3 A e Etruria fanno il pieno di fatturato
I successi dei due importanti master franchisee Simply dimostrano i buoni andamenti che il supermercato continua ad avere e la vitalità dell'affiliazione come via maestra per essere imprenditori.
Gruppo Veronesi (Aia e Negroni) conferma la leadership
Gruppo Veronesi - che nel largo consumo vuol dire Aia e Negroni - si aggiudica il quarto posto nella classifica dell’agroalimentare italiano e chiude il 2014 con risultati record. Aia ha fatto registrare un rafforzamento nel proprio ruolo di leader del comparto avicolo, con aumenti nelle carni fresche, negli affettati ed elaborati e nei wurstel (Wudy).
Barilla: buona per l'Italia, buona per il Sudamerica
I principali indicatori di bilancio evidenziano risultati completamente positivi sia nel nostro Paese, sia, soprattutto, sui mercati esteri, come Russia, Usa e Brasile. Ha contribuito il lancio di nuovi prodotti. Altri se ne aggiungeranno a breve, come la nuova linea di pasta. L'ad, Claudio Colzani, guarda con interesse alle acquisizioni in America latina.
Leading Luxury Group (Limoni e La Gardenia) un anno dopo
La compagnia del fondo Orlando, che ha suggellato le nozze tra le due maggiori catene della profumeria italiana, tira le somme di un percorso molto impegnativo, ma ricco di soddisfazioni che ha portato a un posizionamento nuovo e di fascia alta, ma anche a validi risultati finanziari.