Loading...
Aggiornato al: 24 Maggio 2015 14:43
Finanza
H&M fra utili in calo e vendite in crescita
Costretto a pagare salati i rincari delle materie prime, da un lato, e a mantenere comunque basso il livello dei prezzi, il pronto moda soffre. E’ questa la considerazione che emerge dai recenti dati finanziari del colosso svedese H&M che ha visto contrarsi gli utili del 15% nel corso dell’anno, quando il totale è sceso a un equivalente di 1,7 miliardi di euro.

Un po’ migliori le performance dell’ultimo quarter – ottobre/dicembre – quando l’utile ha ceduto il  2,4% per attestarsi sui 622 milioni. Peccato che si sia trattato del quinto periodo consecutivo in cui il gruppo ha dovuto comunque digerire una perdita.

Diversamente, a dimostrazione della volontà di continuare comunque a cavalcare la tigre della convenienza di prezzo, le vendite hanno continuato a mantenersi positive (+8%) e la market share ha fatto ulteriori passi in avanti.

Quella che emerge dagli indicatori finanziari è in sostanza l’immagine di un gruppo in salute, costretto sì a sopportare un certo carico di sofferenza, ma ben determinato ad andare avanti e a guardare oltre la crisi. Tant’è vero che il dividendo distribuito è rimasto invariato, a 9,50 corone.

Il dinamismo è ulteriormente dimostrato dal piano di espansione delineato dal ceo Karl-Johan Perrson, un piano che trova precedenti anche nel recente passato: il totale rete, attivo in 43 Paesi, è infatti salito dai 2.209 punti di vendita al 31 dicembre 2010, ai 2.490 della fine 2011.

Persson ha annunciato l’inaugurazione nel 2012 di 275 nuovi store, soprattutto in Cina, Stati Uniti e Gran Bretagna. Nel mirino ci sono poi nuovi mercati, come Lettonia, Bulgaria, Malesia e Tailandia, mentre in autunno il big svedese promette di sbarcare in Messico. Il tutto con il conforto del +13% di fatturato messo a segno in dicembre, confermato dal +12% dei primi 24 giorni di gennaio.

Anche se non è stato reso noto l’ammontare degli investimenti per le nuove aperture non c’è da dubitare della loro consistenza.

Un’appendice merita Cos, l’insegna di alta gamma del gruppo, gruppo che a sua volta controlla anche Monki (giovani donne), Weekday (urban fashion di design) e Cheap Monday (street fashion).

Cos opera attualmente in 9 mercati europei (Francia, Germania, Regno Unito, Benelux ecc.) e promette di approdare, durante l’anno, in Finlandia, Kuwait, Hong Kong e anche nella nostra Italia. L’insegna ha ottimi risultati finanziari e presenta alti livelli di fatturato, utili e ricavi. Mediante l’e-commerce, infine, copre già 18 nazioni.
31 Gennaio 2012
Articoli Correlati
Leading Luxury Group (Limoni e La Gardenia) un anno dopo
La compagnia del fondo Orlando, che ha suggellato le nozze tra le due maggiori catene della profumeria italiana, tira le somme di un percorso molto impegnativo, ma ricco di soddisfazioni che ha portato a un posizionamento nuovo e di fascia alta, ma anche a validi risultati finanziari.
Coop Adriatica: un bilancio positivo in attesa della fusione
Adriatica, in attesa di raggiungere Estense e Coop Consumatori Nordest, mette a segno utili per 28,6 milioni di euro e un patrimonio netto vicino al miliardo. Le vendite sono in crescita dello 0,7% e la rete ha raggiunto 191 negozi, di cui 16 aperti nel 2014.
XPO-Norbert Detressangle: le cifre in gioco
L'acquisto da parte dell'americana XPO di un importantissimo player della logistica europea darà vita a uno dei primi 10 operatori del settore, con interessi che spaziano dall'e-commerce, alla grande distribuzione, all'alimentare. E nei prossimi anni questo colosso, da 8,5 miliardi di dollari, intende investire molto nel Vecchio Continente.
Industria alimentare: maglia nera per i pagamenti
Cribis D&B ha analizzato i tempi secondo i quali l'industria food regola le proprie fatture. Nel primo trimestre del 2015 la situazione si è notevolmente appesantita. Rispetto al 2010 la quota di imprese che pagano oltre i 30 giorni è cresciuta addirittura del 208 per cento.
Spezie e aromi: Fratelli Pagani si allea con La Collina Toscana
L'azienda milanese, orientata al mercato professionale, rileva il 30% della società di Alberto Ricci e si affaccia al mondo della Gdo.
Fedex acquista Tnt e si rafforza a Malpensa
L'offerta, che ha ricevuto via libera dagli azionisti di Tnt, darà vita a un corriere con un fatturato di oltre 32 miliardi e un potenziale di 5 milioni di pacchi al giorno.
Alce Nero cresce da nove anni
Il marchio, che rappresenta oltre mille agricoltori e apicoltori bio, conferma che il cibo veramente genuino è quello del domani.