Loading...
Aggiornato al: 07 Luglio 2015 15:10
Finanza
H&M fra utili in calo e vendite in crescita
Costretto a pagare salati i rincari delle materie prime, da un lato, e a mantenere comunque basso il livello dei prezzi, il pronto moda soffre. E’ questa la considerazione che emerge dai recenti dati finanziari del colosso svedese H&M che ha visto contrarsi gli utili del 15% nel corso dell’anno, quando il totale è sceso a un equivalente di 1,7 miliardi di euro.

Un po’ migliori le performance dell’ultimo quarter – ottobre/dicembre – quando l’utile ha ceduto il  2,4% per attestarsi sui 622 milioni. Peccato che si sia trattato del quinto periodo consecutivo in cui il gruppo ha dovuto comunque digerire una perdita.

Diversamente, a dimostrazione della volontà di continuare comunque a cavalcare la tigre della convenienza di prezzo, le vendite hanno continuato a mantenersi positive (+8%) e la market share ha fatto ulteriori passi in avanti.

Quella che emerge dagli indicatori finanziari è in sostanza l’immagine di un gruppo in salute, costretto sì a sopportare un certo carico di sofferenza, ma ben determinato ad andare avanti e a guardare oltre la crisi. Tant’è vero che il dividendo distribuito è rimasto invariato, a 9,50 corone.

Il dinamismo è ulteriormente dimostrato dal piano di espansione delineato dal ceo Karl-Johan Perrson, un piano che trova precedenti anche nel recente passato: il totale rete, attivo in 43 Paesi, è infatti salito dai 2.209 punti di vendita al 31 dicembre 2010, ai 2.490 della fine 2011.

Persson ha annunciato l’inaugurazione nel 2012 di 275 nuovi store, soprattutto in Cina, Stati Uniti e Gran Bretagna. Nel mirino ci sono poi nuovi mercati, come Lettonia, Bulgaria, Malesia e Tailandia, mentre in autunno il big svedese promette di sbarcare in Messico. Il tutto con il conforto del +13% di fatturato messo a segno in dicembre, confermato dal +12% dei primi 24 giorni di gennaio.

Anche se non è stato reso noto l’ammontare degli investimenti per le nuove aperture non c’è da dubitare della loro consistenza.

Un’appendice merita Cos, l’insegna di alta gamma del gruppo, gruppo che a sua volta controlla anche Monki (giovani donne), Weekday (urban fashion di design) e Cheap Monday (street fashion).

Cos opera attualmente in 9 mercati europei (Francia, Germania, Regno Unito, Benelux ecc.) e promette di approdare, durante l’anno, in Finlandia, Kuwait, Hong Kong e anche nella nostra Italia. L’insegna ha ottimi risultati finanziari e presenta alti livelli di fatturato, utili e ricavi. Mediante l’e-commerce, infine, copre già 18 nazioni.
31 Gennaio 2012
Articoli Correlati
Monviso compra Biscotteria Tonon
L'azienda torinese, operante soprattutto nei sostitutivi del pane, ha acquisito la storica azienda veronese. La somma pagata non è nota, ma l'operazione consentirà a Monviso di aumentare i margini e di entrare nel food-service.
Alexander Dr Fleming pianifica 300 aperture
Nuove risorse finanziarie per l’insegna Alexander Dr Fleming, la rete di farmacie e parafarmacie in franchising creata da WM Capital, società quotata sul mercato AIM Italia che ha lanciato un aumento di capitale finalizzato, in massima parte, allo sviluppo rete.
Amadori pianifica 250 milioni di investimenti
Un'ottima chiusura di bilancio, la riconferma di una quota di mercato del 30%, le migliorie dello stabilimento di Cesena, danno la carica al re delle carni avicole. E così Flavio Amadori annuncia un maxi piano di filiera.
Gli irlandesi di Valeo Foods acquistano Balconi
Rilevata nel 2011 dal fondo Clessidra di Claudio Sposito, la nota industria dolciaria passa nelle mani di un gruppo poco noto nei nostri confini. Ma Valeo vuol dire più di 20 marchi di pregio: dai sughi, alla pasta, dai vini ai liquori, con un occhio di riguardo per biscotti, farine dolci, miele.
Simply: Gruppo 3 A e Etruria fanno il pieno di fatturato
I successi dei due importanti master franchisee Simply dimostrano i buoni andamenti che il supermercato continua ad avere e la vitalità dell'affiliazione come via maestra per essere imprenditori.
Gruppo Veronesi (Aia e Negroni) conferma la leadership
Gruppo Veronesi - che nel largo consumo vuol dire Aia e Negroni - si aggiudica il quarto posto nella classifica dell’agroalimentare italiano e chiude il 2014 con risultati record. Aia ha fatto registrare un rafforzamento nel proprio ruolo di leader del comparto avicolo, con aumenti nelle carni fresche, negli affettati ed elaborati e nei wurstel (Wudy).
Barilla: buona per l'Italia, buona per il Sudamerica
I principali indicatori di bilancio evidenziano risultati completamente positivi sia nel nostro Paese, sia, soprattutto, sui mercati esteri, come Russia, Usa e Brasile. Ha contribuito il lancio di nuovi prodotti. Altri se ne aggiungeranno a breve, come la nuova linea di pasta. L'ad, Claudio Colzani, guarda con interesse alle acquisizioni in America latina.