Loading...
Aggiornato al: 28 Maggio 2015 17:30
Finanza
Despar Nord-Est: fatturato a tutta forza
Aspiag, concessionaria Despar per il Nord-Est, dimostra cifre di bilancio di tutto rilievo che rispecchiano quelle della “casa madre”, Spar Austria, in crescita del 3,8%.

Intanto il giro d’affari ha messo a segno un’impennata del 4%, attestandosi a 1.778,8 milioni di euro, con una performance largamente superiore a quella media della gdo in Italia, che ha sviluppato un +0,8%. Un trend dovuto soprattutto al canale supermercati, che evolve del 5,3%, in confronto al 3,4% del totale Italia (fonte SymphonyIri). Nel bacino locale Aspiag vanta una quota vicina al 15%, ma destinata a raggiungere in tempi relativamente brevi, secondo le previsioni, un 18%.

In aumento sia gli occupati, che oggi assomano a 8.700 (altri 900 posti saranno creati nei prossimi tre anni), sia le superfici di vendita, grazie a una serie di nuove aperture: 8 Eurospar, due iper Interspar (Padova e Pordenone), più una lunga serie di opere di recupero di punti di vendita ormai da rinnovare.

Nel ramo dei negozi al dettaglio le inaugurazioni del 2011 sono state una dozzina, per fare fronte al declino dei piccoli operatori, che risultanto più penalizzati di altri dalla recessione.

Attualmente Despar Nord-Est può contare su una rete composta da 571 punti di vendita, di cui 373 affiliati, con 57 milioni di scontrini. Paul Klotz, amministratore delegato insieme ad Harald Hantley, ha fatto notare che lo sviluppo del network è stato aiutato molto negli ultimi tempi dalla liberalizzazione commerciale, che ha accresciuto il flusso dei consumatori.

Nei programmi dell’azienda c’è un’ulteriore sviluppo, come già detto, e soprattutto lo sbarco in Emilia-Romagna: già nel 2012 Aspiag lancerà il guanto di sfida al binomio Coop-Conad. Infatti il gruppo ha avuto via libera da Despar Italia per estendere la propria zona di influenza su 6 nuove provincie: Parma, Bologna, Ravenna, Modena, Reggio Emilia e, in Lombardia, Mantova.
27 Marzo 2012
Articoli Correlati
Barilla: buona per l'Italia, buona per il Sudamerica
I principali indicatori di bilancio evidenziano risultati completamente positivi sia nel nostro Paese, sia, soprattutto, sui mercati esteri, come Russia, Usa e Brasile. Ha contribuito il lancio di nuovi prodotti. Altri se ne aggiungeranno a breve, come la nuova linea di pasta. L'ad, Claudio Colzani, guarda con interesse alle acquisizioni in America latina.
Leading Luxury Group (Limoni e La Gardenia) un anno dopo
La compagnia del fondo Orlando, che ha suggellato le nozze tra le due maggiori catene della profumeria italiana, tira le somme di un percorso molto impegnativo, ma ricco di soddisfazioni che ha portato a un posizionamento nuovo e di fascia alta, ma anche a validi risultati finanziari.
Coop Adriatica: un bilancio positivo in attesa della fusione
Adriatica, in attesa di raggiungere Estense e Coop Consumatori Nordest, mette a segno utili per 28,6 milioni di euro e un patrimonio netto vicino al miliardo. Le vendite sono in crescita dello 0,7% e la rete ha raggiunto 191 negozi, di cui 16 aperti nel 2014.
XPO-Norbert Detressangle: le cifre in gioco
L'acquisto da parte dell'americana XPO di un importantissimo player della logistica europea darà vita a uno dei primi 10 operatori del settore, con interessi che spaziano dall'e-commerce, alla grande distribuzione, all'alimentare. E nei prossimi anni questo colosso, da 8,5 miliardi di dollari, intende investire molto nel Vecchio Continente.
Industria alimentare: maglia nera per i pagamenti
Cribis D&B ha analizzato i tempi secondo i quali l'industria food regola le proprie fatture. Nel primo trimestre del 2015 la situazione si è notevolmente appesantita. Rispetto al 2010 la quota di imprese che pagano oltre i 30 giorni è cresciuta addirittura del 208 per cento.
Spezie e aromi: Fratelli Pagani si allea con La Collina Toscana
L'azienda milanese, orientata al mercato professionale, rileva il 30% della società di Alberto Ricci e si affaccia al mondo della Gdo.
Fedex acquista Tnt e si rafforza a Malpensa
L'offerta, che ha ricevuto via libera dagli azionisti di Tnt, darà vita a un corriere con un fatturato di oltre 32 miliardi e un potenziale di 5 milioni di pacchi al giorno.