Loading...
Aggiornato al: 25 Maggio 2015 19:11
Finanza
Barilla: un bilancio che non scuoce
Affrontano in modo decisamente positivo questo Cibus gli uomini di Barilla, forti di una tenuta dell’azienda a dispetto della recessione. E del resto, da Parma, ci fanno sapere che in questa edizione della fiera il gruppo darà spettacolo, con una serie di novità, specie sui fronti della pasta, che si riconferma core business, e dei piatti pronti.
 
Nonostante l’acuirsi della crisi economica, il fatturato consolidato 2011 del Gruppo – che comprende Barilla G. e R. Fratelli e Lieken – si è mantenuto stabile a parità di perimetro, attestandosi a 3.916 milioni di euro. Tale livello è sostanzialmente invariato rispetto al 2010 (3.905 milioni di euro) se si escludono le controllate cedute, quali Kamps Bakeries.

La gestione operativa del Gruppo, che opera principalmente in Italia, Stati Uniti, Francia e Germania, ha registrato un Ebitda ricorrente pari a 477 milioni di euro, nonostante il rallentamento nella crescita economica mondiale e la contrazione dei consumi delle famiglie. L’Ebit ricorrente è stato pari a 296 milioni di euro, mentre l’utile netto è cresciuto, attestandosi a 76 milioni di euro.

Nonostante l’aumento del costo delle materie prime, il Gruppo Barilla ha preferito limitare per quanto possibile l’incremento dei prezzi nei riguardi di consumatori con capacità d’acquisto ridimensionate da un reddito disponibile in calo, soprattutto in Italia.

Le politiche commerciali hanno comunque consentito di mantenere una posizione solida come testimoniato dall’andamento delle quote di mercato a volume della pasta nel 2011, che sono salite in Italia (+0,5%), Germania (+1,7%) e in Francia (+0,8), e rimaste stabili o in leggera flessione su altri mercati (Usa -0,1%).

“Nonostante le difficoltà e le incertezze che continuano a caratterizzare l’economia mondiale - in particolare l’Europa - i risultati confermano la solidità e la forza competitiva del nostro Gruppo”, ha detto il presidente Guido Barilla. “Siamo fiduciosi che l’azienda saprà attraversare questi momenti di grave turbolenza economica e sociale.”

L’attuale solidità finanziaria consente alla multinazionale parmense di concentrare le energie sullo sviluppo delle strategie orientate al consolidamento del mercato europeo, alla crescita nel mercato americano e all’apertura di nuove opportunità nei Paesi emergenti. I dati preliminari del primo trimestre del 2012 indicano un fatturato in leggera crescita rispetto allo stesso periodo del 2011.

“I nuovi piatti pronti di pasta lanciati da febbraio negli Stati Uniti, Germania, Francia ed in altri Paesi all’estero testimoniano come Barilla sia in grado di rappresentare e promuovere la cultura gastronomica italiana offrendo al contempo un prodotto fruibile in modo semplice e pratico,” ha proseguito Guido Barilla. “In Italia, la linea verde del Mulino Bianco è invece un esempio di come anni di ricerca tecnologica sulla cottura al vapore hanno permesso di produrre biscotti buoni con un contenuto di grassi e zuccheri inferiori.”
08 Maggio 2012
Articoli Correlati
Barilla: buona per l'Italia, buona per il Sudamerica
I principali indicatori di bilancio evidenziano risultati completamente positivi sia nel nostro Paese, sia, soprattutto, sui mercati esteri, come Russia, Usa e Brasile. Ha contribuito il lancio di nuovi prodotti. Altri se ne aggiungeranno a breve, come la nuova linea di pasta. L'ad, Claudio Colzani, guarda con interesse alle acquisizioni in America latina.
Leading Luxury Group (Limoni e La Gardenia) un anno dopo
La compagnia del fondo Orlando, che ha suggellato le nozze tra le due maggiori catene della profumeria italiana, tira le somme di un percorso molto impegnativo, ma ricco di soddisfazioni che ha portato a un posizionamento nuovo e di fascia alta, ma anche a validi risultati finanziari.
Coop Adriatica: un bilancio positivo in attesa della fusione
Adriatica, in attesa di raggiungere Estense e Coop Consumatori Nordest, mette a segno utili per 28,6 milioni di euro e un patrimonio netto vicino al miliardo. Le vendite sono in crescita dello 0,7% e la rete ha raggiunto 191 negozi, di cui 16 aperti nel 2014.
XPO-Norbert Detressangle: le cifre in gioco
L'acquisto da parte dell'americana XPO di un importantissimo player della logistica europea darà vita a uno dei primi 10 operatori del settore, con interessi che spaziano dall'e-commerce, alla grande distribuzione, all'alimentare. E nei prossimi anni questo colosso, da 8,5 miliardi di dollari, intende investire molto nel Vecchio Continente.
Industria alimentare: maglia nera per i pagamenti
Cribis D&B ha analizzato i tempi secondo i quali l'industria food regola le proprie fatture. Nel primo trimestre del 2015 la situazione si è notevolmente appesantita. Rispetto al 2010 la quota di imprese che pagano oltre i 30 giorni è cresciuta addirittura del 208 per cento.
Spezie e aromi: Fratelli Pagani si allea con La Collina Toscana
L'azienda milanese, orientata al mercato professionale, rileva il 30% della società di Alberto Ricci e si affaccia al mondo della Gdo.
Fedex acquista Tnt e si rafforza a Malpensa
L'offerta, che ha ricevuto via libera dagli azionisti di Tnt, darà vita a un corriere con un fatturato di oltre 32 miliardi e un potenziale di 5 milioni di pacchi al giorno.