Loading...
Aggiornato al: 18 Ottobre 2018 17:30
Finanza
Amadori: pronta la filiera avicola molisana

Amadori ribadisce gli impegni presi con l’acquisto, meno di un anno fa, del complesso ex Gam e il suo inserimento nell’ambito della filiera integrata Amadori, per dare nuovo corso all’area produttiva di Bojano (Campobasso) e creare una nuova filiera dedicata al pollo molisano di alta qualità.

L’investimento complessivo è di oltre 45 milioni di euro e punta al rilancio dell’avicoltura regionale grazie all’acquisizione e riqualificazione dell’incubatoio, dello stabilimento di trasformazione e degli allevamenti, che saranno inclusi nell’ambito del sistema integrato Amadori (dall’allevamento al consumo). Il cantiere di Bojano resterà attivo per alcuni mesi, per varare le ultime strutture - con particloare riguardo all'incubatoio - entro la fine dell’anno.

Fondato a Cesena nel 1969 da Francesco Amadori, il gruppo spazia sull’intero comparto avicunicolo con prodotti elaborati, pronti, ricettati, surgelati e naturalmente freschi, oltre che nei segmenti delle uova e dei würstel di pollo e tacchino.

È una delle maggiori aziende alimentari in Italia e gestisce direttamente tutta la filiera grazie a più di 800 allevamenti per oltre di 1 milione e 100.000 mq sul territorio nazionale.

Il gruppo ha 6 incubatoi, 6 mangimifici, 6 stabilimenti di trasformazione e lavorazione, 19 tra filiali e agenzie nel nostro Paese, 3 piattaforme primarie, oltre 7.400 lavoratori, a cui si aggiungono circa 350 agenti e i trasportatori delle 360 aziende fornitrici di servizi logistici.

Anche i dati del bilancio 2016 sono di tutto rilievo: un fatturato complessivo di 1.206 milioni di euro, in linea con gli anni passati, un margine operativo lordo di 84 milioni (oltre il 7% del fatturato), investimenti realizzati pari a 78 milioni nel 2016 e di altri 200 nei successivi 5 anni fino al 2021.

Amadori ha una quota di mercato nelle carni avicole nazionali intorno al 30 per cento. I suoi principali obiettivi strategici sono di aumentare fino al 50% la quota produttiva degli elaborati ad alto contenuto di servizio e di allargare il mercato estero, che attualmente ha un peso contenuto rispetto a quello interno.

19 Febbraio 2018
Articoli Correlati