Loading...
Aggiornato al: 17 Luglio 2018 12:30
Estero
Target, secondo discounter Usa, spinge sul domicilio

Prosegue negli Usa l’integrazione tra fisico e digitale, un processo che non riguarda solo Amazon e Walmart, da sempre ai ferri corti e all’avanguardia, ma anche gli altri gruppi, specialmente quando si tratta di leader, sempre più spesso chiamati a giocare le proprie quote sui servizi, come la consegna rapida.

La notizia più recente arriva da Target, il secondo discounter degli Stati Uniti con 1.834 punti di vendita, 39 centri di distribuzione, 69,5 miliardi di dollari di fatturato (59 miliardi di euro) che ha comprato, per 550 milioni in contanti, Shipt, una startup specializzata nel grocery a domicilio.

Nata nel 2014 Shipt funziona un po’ come il nostro Supermercato24, ossia permette agli oltre 20.000 iscritti di ordinare online scegliendo tra una varietà di insegne e punti vendita attivi in 72 località americane. È poi un incaricato dell’azienda a fare la spesa e a consegnarla a casa entro un’ora.

Il canone è piuttosto elevato, allineato con Amazon Prime (99 dollari negli Usa), anche se garantisce acquisti illimitati: per un anno si pagano, appunto, 99 dollari, ma è previsto un abbonamento mensile da 14.

La startup, che due sedi, a Birmingham, in Alabama, e a San Francisco, in California, ha già una solida rete di alleanze, per esempio con Kroger e Costco. Con la recente acquisizione queste partnership saranno intensificate. Del resto Shipt conserverà la propria indipendenza societaria e continuerà ad essere guidata dall’attuale amministratore delegato, Bill Smith.

Target utilizzerà la piattaforma tecnologica di Shipt per assicurare, nell’arco di un anno, la consegna in giornata, con un servizio che coprirà, entro 12 mesi, tutta la rete dell’acquisita. All’inizio Target punterà su alimentare e drug, ma l’offerta verrà estesa rapidamente per abbracciare tutto l’assortimento, molto ampio anche nell'elettronica, abbigliamento, tessile, casalinghi e altro.

Al momento Target offre la consegna in giornata a New York, ma la frontiera del retail online diventa sempre più competitiva. In ottobre, per esempio, il colosso Walmart ha acquistato, nella Grande Mela, Parcel, operatore logistico specializzato nell'ultimo miglio.

18 Dicembre 2017
Articoli Correlati