Finanza
Cerca in:
De Cecco: più capacità produttiva grazie a Invitalia
Già annunciata da diverso tempo è arrivata a compimento il 12 novembre la firma dell’accordo tra De Cecco e Invitalia - l’agenzia governativa per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa - per il finanziamento dello sviluppo della capacità produttiva dei poli di Ortona e di Fara San Martino, in provincia di Chieti. II contratto sarà compiuto entro il 2017.

In totale verranno investiti 37,6 milioni di euro – 21 messi da Invitalia – e creati 48 nuovi posti di lavoro.  A Ortona partiranno due nuove linee di pasta secca (una per i formati corti e una per quelli lunghi), mentre nell’altro stabilimento verrà potenziata la semola, tramite un ampliamento delle capacità di magazzinaggio e stoccaggio.

“Con il rafforzamento della capacità dei due poli abruzzesi – ha commentato Filippo Antonio De Cecco – la società diventa il terzo produttore mondiale di pasta e conferma la sua volontà di realizzare i propri prodotti esclusivamente sul territorio italiano e non all’estero”.

Invitalia, che il 7 novembre ha investito altri 28,5 milioni in Kimbo - per potenziare lo stabilimento di Melito (Napoli) – ha per compiti istituzionale quello di accrescere la competitività del Paese, in particolare del Mezzogiorno e sostenere settori strategici per lo sviluppo. I suoi obiettivi prioritari sono di favorire l'attrazione di capitali esteri, supportare l'innovazione e la crescita del sistema produttivo, valorizzare le potenzialità dei territori.

De Cecco, dal canto suo, ha chiuso il 2013 con 411 milioni di fatturato, contro i 373 dell’anno passato e per il 2014 prevede di posizionarsi a 461 milioni. Il tutto le vale, come già detto, la medaglia di bronzo nella classifica mondiale di vendite di pasta di grano duro e un oro indiscusso nel segmento premium, quello dell’alta qualità.  

L’Ebitda del gruppo, attestato a circa 45 milioni di euro (comprese le aziende Pmi Usa e Desemark, il braccio informatico del pastificio) è un vero e proprio record e le stime per il 2014 sono di circa 50 milioni. L’utile netto di F.lli De Cecco, dell’Olearia, di Pmi e Desemark, dopo il pagamento di 7,5 milioni di euro di tasse, è di 13 milioni di euro, con previsione di 15 milioni per l’esercizio in corso.
Pino Scabia
17 Novembre 2014



Stampa Articolo Invia articolo ad un amico


Commenta la notizia








Testata giornalistica quotidiana registrata al Tribunale di Milano (n° 52 del 30/1/2007) - Copyright © 2006-2014 Arbre sas - Via Sacchini, 3 - 20131 Milano - P. IVA 12085630155
Tutti i diritti riservati - Hosting and developed by appleworld.it