La Notizia del Giorno
Cerca in:
L'Ue boccia l'etichetta "a semaforo"
Cala la scure dell’Ue sulla cosiddetta “etichetta a semaforo”: la procedura di infrazione ha colpito la Gran Bretagna, alla quale si sono adeguati l’Olanda e una parte della Scandinavia, che ha applicato, nel 95% della Gdo, un sistema di demarcazione degli alimenti che distingue, in base al colore, alimenti e bevande contenenti tenori ritenuti elevati di grassi, sale e zuccheri.
Un vero “ghetto” già ampiamente criticato, fra gli altri, dal Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina e dal presidente di Ferrero, Francesco Paolo Fulci.

Si presume la violazione del principio di libera circolazione delle merci, con susseguente blocco delle importazioni da Paesi che, offrendo specialità alimentari, come l’Italia, sono i primi a essere finiti nel mirino.
Ora il Governo britannico ha due mesi di tempo per rispondere alla messa in mora.

"L’obiettivo del semaforo era quello di diminuire il consumo di grassi, sali e zuccheri. Ma non basandosi sulle quantità effettivamente consumate e solo sulla generica presenza di un certo tipo di sostanze, finisce per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti come l’olio extravergine d’oliva e promuovere, al contrario, le bevande gassate senza zucchero, fuorviando i consumatori rispetto al reale valore nutrizionale", commenta Coldiretti.

Rincara la dose Filippo Ferrua Magliani, presidente di Federalimentare, che, in un’intervista a TMNews e Asca: ha dichiarato: “Il semaforo è uno strumento sbagliato e fuorviante. Siamo molto soddisfatti di questo passaggio importante, anche se non conclusivo, perché' premia l'azione fatta da noi e dal governo italiano. Ci auguriamo che prevalga il buon senso: il semaforo, infatti, è uno strumento sbagliato ed è talmente semplicistico da risultare fuorviante".

''L'etichetta a semaforo sui prodotti alimentari nascondeva interessi commerciali mascherati da esigenze salutistiche – prosegue Ferrua -. La denuncia di Federalimentare non era allarmistica e strumentale e la Commissione ha infatti accolto a larghissima maggioranza, le osservazioni presentate dall'Italia, assieme a molti partner comunitari, dando l'avvio a all'iter per giungere alla formalizzazione della procedura d'infrazione contro il Regno Unito''.
2 Ottobre 2014



Stampa Articolo Invia articolo ad un amico


Commenta la notizia







Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, il Ruggito del Coniglio, Biagio Antonacci, Antonino Cannavacciuolo, Giobbe Covatta, Ale&Franz, Enrico Ruggeri, Gianni Riotta, Serena Dandini e la squadra di A1 del Volley
Ravenna: sono solo alcuni dei protagonisti della quinta edizione della Settimana del Buon Vivere, manifestazione sul benessere equo sostenibile promossa da Legacoop Romagna che per la prima volta propone eventi in tutta la Romagna. Iniziative dal 2 al 5 ottobre, con le anteprime a settembre di Notte Verde del Buon Vivere e Maratona Alzheimer.



Testata giornalistica quotidiana registrata al Tribunale di Milano (n° 52 del 30/1/2007) - Copyright © 2006-2014 Arbre sas - Via Sacchini, 3 - 20131 Milano - P. IVA 12085630155
Tutti i diritti riservati - Hosting and developed by appleworld.it