Loading...
Aggiornato al: 15 Dicembre 2017 17:30
Associazioni
Il settore cosmetico si conferma in buona salute

E' stata presentata pochi giorni fa presso la sede di Cosmetica Italia, l’ultima edizione del Rapporto Annuale redatto dal Centro Studi dell’associazione nazionale delle imprese cosmetiche: la 49esima analisi del settore e dei consumi cosmetici in Italia.

Dai dati presentati emerge come la cosmesi abbia un valore pari allo 0,6% della ricchezza totale prodotta in Italia e le esportazioni di beni legati a questo settore coprano l’1% dell’export italiano.

Il fatturato totale del settore cosmetico nazionale nell’ultimo anno ha raggiunto un valore di 10,5 miliardi di euro e l’export è riuscito a toccare i 4,3 miliardi.

Inoltre, la cosmesi made in Italy presenta una bilancia commerciale da record, pari a 2,3 miliardi di euro, che supera quella di altri settori italiani d’eccellenza, come la pasta, l’occhialeria, i motocicli e le imbarcazioni di lusso.

I prodotti che hanno registrato le crescite più significative nel corso del 2016 sono stati quelli per le labbra, con un +6,8% rispetto all’anno precedente e quelli per il trucco viso, che hanno raggiunto un incremento del 4,5%. Spicca l’interesse dei giovani nei confronti del make-up: nel segmento under 25 i prodotti per il trucco hanno avuto una crescita di 10 punti percentuali.

Il peso dei giovani si avverte anche nel notevole aumento degli acquisti online, che nel 2016 hanno registrato un +36% in Italia.

Il consumo da parte delle donne risulta ancora molto superiore rispetto a quello maschile: infatti, il 76% dei consumi cosmetici in Italia viene effettuato dalle donne, mentre gli uomini si limitano al restante 24%.

«I 50 anni celebrati anche dalle statistiche del Centro Studi - afferma Gian Andrea Positano, Responsabile del Centro Studi di Cosmetica Italia - confermano le caratteristiche di un settore anelastico e refrattario alle congiunture negative di questi ultimi decenni. Con la crescita logaritmica delle esportazioni, con la tenuta dei consumi interni, modificati nelle preferenze di canale e di gamma, i fatturati delle imprese specializzate crescono ben al di sopra della media manifatturiera italiana».

26 Giugno 2017
Articoli Correlati