Loading...
Aggiornato al: 28 Aprile 2015 12:30
Speciali
Val Venosta: le mele sopra le altre
Nonostante l’approssimarsi dell’inverno nelle splendide giornate alpine il blu del cielo, oltre la splendida cornice con qualche vetta già innevata, continua a far da contrasto con il verde intenso dei meleti stesi a perdita d’occhio lungo la Val Venosta. Qui, fino a qualche settimana fa, tra i filari puntinati di giallo o rosso a seconda della varietà scelta dai coltivatori, era tutto un pullulare di uomini e donne al lavoro in guanti bianchi. Precauzione eccessiva? Assolutamente no, perché la presa della mano, non protetta dal soffice tessuto, potrebbe lasciare traccia sulla superficie della mela, come talvolta dimostrano le piccole depressioni circolari, scure, impresse sulla buccia proprio dalla punta delle dita di una mano nuda chiusa con troppa energia.
E di questi difetti, i 1.780 coltivatori raccolti nelle sette cooperative, a loro volta riunite nel Consorzio VI.P. che cura promozione e commercializzazione delle mele della Val Venosta, non ne vogliono sapere. Meglio non mettere a repentaglio la qualità ottenuta grazie non solo all’impegno delle tante famiglie che lavorano nella valle, che va da Merano (Bz) alle vette estreme del gruppo Ortles, ma anche grazie alla generosità di una natura con la quale bisogna saper convivere. Sì, convivere, perché per quanto nella valle il sole splenda mediamente per 300 giorni all’anno, il freddo pungente limita il periodo vegetativo complicando il lavoro e rendendo tuttavia più “croccante” il frutto tipico della Val Venosta, “la mela sopra le altre”, come dice l’indovinato slogan coniato dal Consorzio.
25 Novembre 2010
Articoli Correlati
I valori d’impresa nel III millennio raccontati in un libro
“L’impresa del terzo millennio” è il nuovo volume della collana Piccola Biblioteca d’Impresa Inaz, all’interno del quale si riflette su un modo d’intendere l’economia che favorisca anche la crescita sociale e civile. Il libro ospita anche le testimonianze degli imprenditori che hanno imboccato questa strada con successo.
Macellazione, obbligatoria l'indicazione del Paese d’origine
Dal primo aprile è in vigore il nuovo regolamento in materia di indicazione del Paese di origine o del luogo di provenienza delle carni.
Capire il mondo per cambiarlo con lo sviluppo sostenibile
Il direttore dell'Earth Institute, Jeffrey Sachs, pubblica, con Egea, L'era dello sviluppo sostenibile, nelle librerie in occasione della Giornata mondiale della terra.
Cambiamenti in vista per le norme ISO 9001 e BRC Issue 7
Sarà attiva da settembre la nuova versione della norma ISO 9001. Novità anche per la BRC Issue 7, obbligatoria da luglio.
Ottenere risultati attraverso l'accountability
Come raggiungere gli obiettivi prefissatisi nel proprio business? Lo spiega il volume “Il Principio di Oz”, proposto questa settimana da Distribuzione Moderna.
Ue, arrivano nuove norme sui prodotti del tabacco
Entro due mesi il governo è delegato a emanare un dlgs sulla lavorazione, la presentazione e la vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati.