Loading...
Aggiornato al: 28 Maggio 2015 17:30
Speciali
Val Venosta: le mele sopra le altre
Nonostante l’approssimarsi dell’inverno nelle splendide giornate alpine il blu del cielo, oltre la splendida cornice con qualche vetta già innevata, continua a far da contrasto con il verde intenso dei meleti stesi a perdita d’occhio lungo la Val Venosta. Qui, fino a qualche settimana fa, tra i filari puntinati di giallo o rosso a seconda della varietà scelta dai coltivatori, era tutto un pullulare di uomini e donne al lavoro in guanti bianchi. Precauzione eccessiva? Assolutamente no, perché la presa della mano, non protetta dal soffice tessuto, potrebbe lasciare traccia sulla superficie della mela, come talvolta dimostrano le piccole depressioni circolari, scure, impresse sulla buccia proprio dalla punta delle dita di una mano nuda chiusa con troppa energia.
E di questi difetti, i 1.780 coltivatori raccolti nelle sette cooperative, a loro volta riunite nel Consorzio VI.P. che cura promozione e commercializzazione delle mele della Val Venosta, non ne vogliono sapere. Meglio non mettere a repentaglio la qualità ottenuta grazie non solo all’impegno delle tante famiglie che lavorano nella valle, che va da Merano (Bz) alle vette estreme del gruppo Ortles, ma anche grazie alla generosità di una natura con la quale bisogna saper convivere. Sì, convivere, perché per quanto nella valle il sole splenda mediamente per 300 giorni all’anno, il freddo pungente limita il periodo vegetativo complicando il lavoro e rendendo tuttavia più “croccante” il frutto tipico della Val Venosta, “la mela sopra le altre”, come dice l’indovinato slogan coniato dal Consorzio.
25 Novembre 2010
Articoli Correlati
Presentato il primo manuale di buone prassi per l’uso del ghiaccio alimentare
Approvato dal Ministero della Salute secondo quanto previsto dal Reg. CE 852/2004, il Manuale è uno strumento indispensabile per la tutela della sicurezza alimentare dei consumatori.
Rifiuti, in vigore dal primo giugno le regole Ue
Termina il problematico periodo iniziato per le imprese lo scorso 18 febbraio, data dalla quale hanno dovuto iniziare a trattare alcuni resti di demolizione come sostanze pericolose.
Sud innovation. Patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza
Il volume riflette sull’innovazione sociale applicata alla gestione del patrimonio culturale, con un campo di osservazione sulla realtà meridionale e mediterranea.
La buona storia della Valledoro
L'azienda ha presentato presso la propria sede il libro “la buona storia della Valledoro”.
Ambientalisti Ue si mobilitano in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Mobilitazione degli ambientalisti europei in difesa delle leggi Ue 'salva-natura'.
Il Parlamento Europeo dice sì alla riduzione del consumo di sacchetti in plastica
Con un voto a larghissima maggioranza il Parlamento Europeo ha approvato definitivamente la Direttiva che obbliga gli Stati Membri a ridurre il consumo di sacchetti in plastica per asporto merci, riconoscendo la libertà di ciascun Paese ad adottare le proprie strategie di riduzione.