Loading...
Aggiornato al: 26 Maggio 2017 11:00
Normative
Vietati i sacchetti in plastica non compostabile nei mercati alimentari parigini

Basta fossile, sì alle materie prime rinnovabili e compostabili. E’ l’operazione “Zéro sac plastique fossile” con cui il comune di Parigi mette al bando i tradizionali sacchetti per asporto merci in PE e PVC nei mercati alimentari della capitale a favore di quelli di origine vegetale.

A partire da oggi, per l’imballaggio primario i commercianti potranno utilizzare solo buste realizzate con materie prime di origine vegetale e compostabili - da quelle in bioplastica a quelle in carta o di cotone - pratiche, resistenti ed ecocompatibili.


Rafforzando quanto già previsto dalla legge sulla “transazione energetica” relativamente agli imballaggi, il comune di Parigi prende così la leadership nella battaglia contro i cambiamenti climatici e a favore dell’economia circolare. I mercati rionali, in particolare, grazie a questo provvedimento che affiancherà quello già in atto sulla raccolta dei prodotti alimentari invenduti e degli scarti vegetali, si avviano a rappresentare la punta di diamante di queste nuove pratiche virtuose di sostenibilità ambientale.

Novamont e il partner Gruppo Barbier - leader nel mercato francese della trasformazione della plastica -, per sostenere i commercianti dei mercati in questa prima fase di introduzione dei nuovi sacchetti doneranno loro oltre 3 milioni di buste realizzate in MATER-BI, la bioplastica di Novamont biodegradabile e compostabile secondo la norma NF EN 13432 e la norma NF T 51-800 per il compostaggio domestico, che può essere smaltita con la frazione organica dei rifiuti abbattendo significativamente l’emissione di gas a effetto serra.

In aggiunta a ciò i mercati ospiteranno anche una serie di iniziative finalizzate a sensibilizzare i cittadini sull’uso delle buste usa e getta e degli incontri in cui gli operatori dei mercati verranno informati e formati sulle prassi relative alle nuove buste rinnovabili e compostabili. Il riuso di queste buste per la raccolta differenziata dell’umido residenziale – che sta per essere avviata nel 2° e nel 12° arrondissement della capitale - ne rappresenta un eccellente esempio.

20 Dicembre 2016
Articoli Correlati